martedì 28 ottobre 2014

Gli scienziati abbattono uno dei principali miti sulla marijuana

fUMARE MARIJUANA NON FA MALE ALLA SALUTEUno studio scientifico dell’University College di Londra ha dimostrato che non vi sono prove per collegare l’uso di marijuana ad un abbassamento del quoziente di intelligenza (QI). Allo studio, riportato dal The Washington Post, hanno partecipato 2.612 bambini, nati in Inghilterra tra il 1991 e il 1992. I ricercatori hanno studiato il QI dei bambini di età compresa tra 8 e 15 anni e non hanno trovato “nessun rapporto tra l’uso di cannabis e il quoziente intellettivo inferiore all’età di 15 anni”.
Nonostante questa scoperta, lo studio ha trovato delle competenze educative leggermente più basse tra coloro che fanno un consumo elevato di marijuana. Tra gli studenti di 16 anni di età il rendimento agli esami scolastici è diminuito in media del 3%.
Nel comunicato stampa che accompagna lo studio, l’autore principale dello stesso, Claire Mokrysz, ha osservato che si tratta “di un messaggio potenzialmente importante per la salute pubblicaperché pensare che la cannabis sia particolarmente dannosa può distrarre l’attenzione dagli effetti negativi di altri tipi di comportamenti”.

Anche Guy Goodwin, professore dell ‘Università di Oxford, è d’accordo: “L’attuale attenzione per i presunti danni della cannabis potrebbe oscurare il fatto che il suo uso è spesso correlato con altre droghe, ancora più accessibili, e altri possibili fattori correlati allo stile di vita. Questi possono essere altrettanto, o più importante, della cannabis in sé ” .

Marijuana: possibili danni non-celebrali?

Nonostante diversi studi, tra cui quello sopra citato, abbiano dimostrato che l’uso di cannabis non ha effetti negativi sulla salute celebrale, altri evidenziano possibili conseguenze non legate al cervello.
Ad esempio, Wayne Hall, esperto di droga dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha recentemente pubblicato uno studio che ha dimostrato che la marijuana crea dipendenza in un adolescente su sei, e che la cannabis raddoppia il rischio di sviluppare disturbi psicotici, tra cui laschizofrenia. Il ricercatore, ha riportato il Daily Mail, ha osservato che la cannabis aumenta il rischio di avere un incidente stradale e aumenta le probabilità di provare droghe pesanti fra coloro che ne fanno uso.

Fonte: resapubblica.it 



Nome

Email *

Messaggio *