venerdì 15 agosto 2014

In Colorado, dopo la Legalizzazione, è diminuito il consumo di Cannabis tra i minori

Come avevano previsto gli esperti, e come già accaduto in Olanda e altrove, la legalizzazione della marijuana fa diminuire il consumo in particolare tra i giovanissimi: che spesso si avvicinano alla sostanza per il "fascino della trasgressione", elemento psicologico importante tra i teenagers, che viene meno legalizzando la canapa. 
I consumi tra gli adulti invece rimangono stabili: chi apprezzava questa pratica quando era illegale, continua a farlo quando diventa legale, così come chi non l'apprezzava prima certo non inizia perché  è stata regolamentata. L'unica differenza sta nel fatto che i consumatori che prima si approvvigionavano dagli spacciatori al servizio dei trafficanti, oggi l'acquista in negozi che danno posti di lavoro e pagano le tasse allo Stato.
In Italia la marijiuana (come le altre sostanze) è disponibile ovunque, da Vipiteno a Lampedusa; nelle grandi città ci sono market a cielo aperto operativi 24 ore su 24, gestiti dalla criminalità organizzata. Continuare nel fallimentare proibizionismo è un REGALO alle mafie... e pensare che in questo momento di crisi lo Stato potrebbe ricavarne un introito di 15-20 miliardi tra gettito diretto ed il risparmio dei costi della repressione: operazioni di polizia, processi, detenzione di migliaia di persone (un detenuto costa circa 140€ al giorno...) 
DI SEGUITO L'ARTICOLO DA FREEWEED.IT
I nuovi dati di rilievo provenienti dal Colorado indicano che la legalizzazione della Cannabis finora non ha portato ad un aumento degli adolescenti che la utilizzano, come invece i proibizionisti avevano erroneamente supposto in precedenza.
Nel sondaggio del 2013 della Healthy Kids Colorado, il 37 per cento degli studenti delle scuole superiori ha dichiarato di non aver mai provato la Cannabis, in calo dal 39 per cento del 2011; inoltre la percentuale che ha riferito uso di marijuana nel mese precedente (uso “corrente”) è diminuita dal 22 per cento nel 2011 al 20 per cento nel 2013. Il Dipartimento di Stato di Salute Pubblica e Ambiente, che sovrintende l’indagine, dice che tali diminuzioni non sono statisticamente significative, ma sono parte di una generale tendenza al ribasso in Colorado che ha continuato, nonostante la legalizzazione della Cannabis medica nel 2001, la commercializzazione di Cannabis medica nel 2009 (quando l’industria è decollata dopo il suo status giuridico), e la legalizzazione delle attività ricreative (insieme con la coltivazione a casa e la condivisione tra gli adulti) alla fine del 2012.
Youth Risk Behavior Survey
Youth Risk Behavior Survey
I numeri precedenti provengono dalla CDC Risk Behavior Survey Gioventù , a cui contribuisce il Colorado con i dati dal proprio sondaggio. (È possibile trovare i numeri specifici statali nei rapporti elencati qui .)
L’indagine CDC è condotta ogni due anni, ma il Colorado non ha sempre partecipato, e questo è il motivo per cui i dati per il 1999, 2001, 2003, e 2007 sono mancanti. Interessante notare che la diminuzione dell’uso di Cannabis da parte dei minorenni è diminuita maggiormente in Colorado che nel paese nel suo complesso (USA) :

Youth Risk Behavior Survey
Youth Risk Behavior Survey
A livello nazionale  l’uso di marijuana da parte degli studenti delle scuole superiori è aumentato tra il 1995 e il 1999, per poi scendere costantemente fino al 2007, quando ha cominciato un graduale aumento che continua attraverso il 2013.
In Colorado, invece, quel numero è aumentato tra il 2005 e il 2009, ma è diminuito da allora. Ancora una volta, non quello che ci si aspetterebbe se rendere la marijuana legalmente disponibile agli adulti dovrebbe aver potenziato il consumo da parte dei minori, come sostengono tutt’ora molti proibizionisti. Analisi più dettagliate e sofisticate, compresi i dati da vari stati con leggi sulla marijuana medica, allo stesso modo non hanno trovato alcuna prova di un effetto del genere, confermando che Legalizzazione non significa assolutamente aumento del consumo, specie da parte dei minorenni.
“Ancora una volta le tesi di chi sostiene che i regolamenti sulla marijuana avrebbero lasciato il Colorado in rovina hanno dimostrato di essere infondate”, dice Mason Tvert del Marijuana Policy Project, che era un leader della campagna di legalizzazione del Colorado. “Quante volte lo fanno? I proibizionisti devono essere smentiti prima che sia troppo tardi. Si sbagliavano quando dicevano che regola della marijuana medica avrebbe potuto aumentare l’uso per i minori, e hanno sbagliato quando hanno raddoppiato l’errore dicendo che la marijuana legale per gli adulti avrebbe potuto farlo. “
E ‘ancora possibile, naturalmente, che le vendite ricreative giuridiche, iniziate nel Colorado solo quest’anno, aumenteranno l’accesso degli adolescenti alla marijuana (non attraverso la vendita diretta, ma attraverso la deviazione da parte di acquirenti per adulti), che potrebbe portare ad un aumento dei consumi.
I Funzionari del Colorado esprimono una preoccupazione diversa: Secondo un comunicato stampa del dipartimento di salute “Gli esperti sanitari temono che la normalizzazione dell’uso di marijuana in Colorado potrebbe portare più giovani a provare.” In altre parole, si preoccupano che permettere agli adulti di acquistare legalmente marijuana per uso ricreativo incoraggerà gli adolescenti ad avere una visione più positiva della cannabis, e che ciò li renderà più propensi ad usarla. Chiamatelo l’effetto “frutto permesso”. Proibizionisti come l’ex zar della droga Gil Kerlikowske hanno sollevato la stessa denuncia contro le leggi sulla marijuana medica, ma i loro timori sembrano essere stati fuori luogo.
Nel frattempo il dipartimento di salute riferisce che “la percentuale di studenti che hanno percepito un rischio moderato o grande verso l’ uso di marijuana è scesa dal 58 per cento nel 2011 al 54 per cento nel 2013″.
Fonte: Reason.com
Tratto da: freeweed.it

Nome

Email *

Messaggio *