giovedì 10 luglio 2014

Le ultime ore per salvare gli elefanti: potrebbero estinguersi nel 2030!

La petizione su avaaz.org ha già superato quota 601.000 adesioni e cresce di minuto in minuto, sottoscritta in tutto il mondo:

Solo pochi giorni fa dei bracconieri hanno ucciso uno degli elefanti più grandi del pianeta, Satao, per poi staccargli le zanne a colpi di machete. Con il ritmo attuale gli elefanti potrebbero estinguersi in meno di 15 anni, ma questa settimana c’è finalmente un’occasione concreta per colpire il mercato illegale che alimenta questa strage.

Ogni giorno, 50 meravigliosi elefanti vengono abbattuti spesso per farne inutili collanine! Il principale colpevole è la Thailandia, dove il mercato dell’avorio è completamente fuori controllo. Ma domani l’organismo internazionale che protegge le specie in pericolo ha l’occasione di sanzionare proprio la Thailandia finché non fermerà questo massacro di elefanti. Nei corridoi si dice che il Governo di Bangkok stia lavorando per convincere i paesi chiave a votare contro le sanzioni, ma basta che Europa e USA vadano avanti per mettere fine alla strage.

Diamo ai delegati di Europa e USA un sostegno da tutto il mondo affinché salvino gli elefanti. La decisione sulle sanzioni potrebbe arrivare già domani, non abbiamo tempo da perdere: firma la petizione e poi manda un messaggio al capo della delegazione italiana

Ai rappresentanti di Europa e Stati Uniti presso CITES e a tutti i membri del Comitato Permanente:
Siamo cittadini di tutto il mondo preoccupati per la possibile estinzione entro il 2030 dell'elefante africano, e ci rivolgiamo a voi affinché rispettiate la vostra responsabilità e li proteggiate, sanzionando la Thailandia per non aver fermato il suo commercio illegale di avorio. Al ritmo di un decimo della popolazione ucciso ogni anno, non c'è tempo da perdere; gli elefanti hanno bisogno subito di qualcuno che li difenda. Il futuro di questa magnifica specie è nelle vostre mani questa settimana: agite ora.


Fonte e petizione: avaaz.org

Nome

Email *

Messaggio *