domenica 29 giugno 2014

M5s, faida interna sull'alimentazione a base di carne

Il pentastellato Giarrusso: adoratore della carne
Il deputato M5s Di Battista a pesca di crostacei ai Caraibi; non proprio
un comportamento da "animalista" per il deputato che fece il provino e
sognava dientrare ad Amici di Maria De Filippi
L'alimentazione a base di carne suscita polemiche in casa cinque stelle, con un "botta e risposta" tra i parlamentari Alessandro Di Battista e Mario Michele Giarrusso.

Il primo - pur precisando di non riuscire a fare a meno della carne - si schiara a favore della dieta vegetariana, evidenziando i benefici per la salute di una dieta priva di carne, sottolineando come gli allevamenti di bestiame danneggino il pianeta; e auspica leggi in questa direzione.

Il deputato Giarrusso replica - pur senza citare Di Battista, ma è evidente che si tratti di una replica - pubblicando su Facebook prima un post "allusivo", con una foto che lo ritrae mentre mangia un panino, che in seguito rivelerà esser farcito con lampredotto, una pietanza tipica fiorentina a base di stomaco bovino: "Adesso indovinate dove sono e cosa mangio..."

Dal profilo FB di Giarrusso
e poi la foto di una grossa bistecca di carne chianina da chilo, accompagnata dal seguente commento: "Ieri lampredotto ma oggi non ho resistito...ad Impruneta ho ceduto al richiamo della chianina...circa kg.1..."


Una vera e propria disputa sull'alimentazione.

Che Giarrusso non abbia apprezzato la sortita di Di Battista, è fin troppo evidente. Vedremo come evolverà la questione...


Staff nocensura.com


Circa il consumo di carne:
Per produrre 1 kg di carne occorrono migliaia di litri di acqua, una verità innegabile di cui abbiamo parlato più volte. Ormai sono moltissimi gli scienziati ed i medici che ritengono nocivo il consumo di carne, anche perché il bestiame è sovente imbottito di antibiotici a scopo preventivo, ma talvolta anche anabolizzanti per aumentarne la massa muscolare, e vengono alimentati con farine animali: che dopo un periodo di divieto dovuto al morbo della mucca pazza, da alcuni anni sono nuovamente consentite: animali che la natura ha concepito erbivori (i bovini hanno un intestino lunghissimo per digerire l'erba: i carnivori invece - il cane, i felini, etc - hanno un intestino molto corto, per consentire una rapida digestione e la rapida evacuazione, prima che la carne ingerita vada in putrefazione, rilasciando tossine che verrebbero assorbite tramite l'intestino. Vedi: apparati digerenti a confronto. ) vengono alimentati con farine animali composte da ossa e altri scarti della produzione per consumo umano.


Nome

Email *

Messaggio *