mercoledì 9 aprile 2014

L’ammissione di Monsanto: “Sementi trattate con veleno, si sconsiglia il consumo umano”

monsanto semi velenosi - www.laviadiuscita.net

Le immagini che stanno stanno girando in questi giorni su Internet illustrano i veri pericoli connessi con i semi geneticamente modificati (OGM), così come ammesso dagli stessi produttori dei semi. La Food Warrior Network ha recentemente pubblicato una foto di un pacchetto di semi distribuito dalla Monsanto India Limited, per esempio, che avverte gli utenti di non consumare i semi o di non usarli come cibo, olio o mangime per animali, perché sono velenosi…

Questa foto scioccante ha fatto scaturire molte polemiche, in particolar modo ha acceso i riflettori su come il settore delle biotecnologie continui ad alimentare la macchina della propaganda per convincere l’opinione pubblica che gli OGM sono sicuri e non sono diversi dai semi naturali. Al contrario, le sementi OGM sono certamente pericolose e non sicure per il consumo umano, il che significa che la diffusa affermazione da parte dell’industria biotecnologica che sostiene che sono sostanzialmente identici ai semi naturali è del tutto falsa. Sulla confezione che accompagna i semi si legge “Attenzione: I semi sono trattati con il veleno. Non usare come alimento, mangime o come olio”. – Vedi immagine in alto, sotto il titolo di questo articolo.
 
LE SEMENTI TRATTATE CON VELENI STANNO DISTRUGGENDO LA SALUTE

Come si è visto, tutti i tipi di sementi commerciali, tra cui alcuni semi convenzionali non-OGM, portano avvisi di tossicità simili che il consumatore non vedrà mai.
 
Un trattamento delle sementi noto come Axcess, prodotto dal gigante chimico BASF, viene fornito con un avvertimento che proibisce chiaramente l’uso di sementi trattate, e persino piante generate da semi trattati, come qualsiasi tipo di cibo, sia per gli esseri umani o animali. “Piante e semi di colza trattate con Axcess non devono essere utilizzati per i mangimi o per alimentazione umana”, recita l’opuscolo informativo per Axcess, che delinea le procedure di emergenza su come gestire il consumo accidentale. “La colza coltivata e raccolta da semi trattati con Axcess è solo per uso industriale e non può essere utilizzata per olio commestibile o per qualsiasi altro consumo umano o animale”. Questa etichetta di avvertimento BASF può essere vista qui: http://www.agproducts.basf.

Come si può notare, la stessa etichetta di avvertimento contiene restrizioni concernenti il pascolo di animali su campi coltivati con colture trattate con Axcess. I campi coltivati con grano, orzo, avena, segale, triticale, sorgo e miglio trattate con Axcess sono così pericolose che devono essere messi in sicurezza dall’accesso di animali per almeno 45 giorni dopo la semina.
 
OGM: CERTAMENTE UNA MINACCIA PER L’AMBIENTE E PER LE SPECIE IN VIA DI ESTINZIONE

Se il consumatore avesse la possibilità di leggere questi o simili avvertimenti sui foglietti illustrativi delle sementi commerciali, potrebbe certo compiere una scelta più consapevole prima di consumare tutti questi derivati transgenici che le aziende chimiche insistono a proporre come sicuri. L’etichettatura degli OGM improvvisamente diventa “più prudente” alla luce di queste rivelazioni.

Ancora peggio è il fatto che l’utilizzo di questi sementi chimiche trattate minaccia l’ambiente e le specie autoctone, comprese le specie in via di estinzione protette. Un foglietto illustrativo per le sementi trattate con SIGNET 480 FS, per esempio, che è prodotto da una società chiamata Nufarm, spiega che il trattamento è nocivo per i pesci, gli uccelli, le specie in via di estinzione e l’ambiente. “Questo prodotto chimico è tossico per i pesci, invertebrati acquatici , uccelli, ostriche e gamberi”, recita l’inserto, e fa riferimento a una sostanza chimica nota come “Thiram: Tetramethylthiuram Disulfide”

Quindi, tutto ciò che i sostenitori della salute e dell’ambiente hanno detto per anni circa la tossicità degli OGM e colture di sementi convenzionali trattate chimicamente sembra essere vero, sulla base di questi avvertimenti. (N.d.t. e dei tanti studi che testimoniano tutti i danni già causati alla salute ed all’ambiente. Studi che potete conoscere scaricando l’eBook gratuito “DOSSIER OGM – Pericoli e danni causati da semi e cibi transgenici“).

Gli esseri umani, gli animali e l’ambiente sono tutti minacciati dall’uso di sementi geneticamente modificate che comportano deliberatamente la manomissione delle strutture dei semi che, in questo caso, coinvolge il rivestimento trattato con prodotti chimici nocivi che distruggono tutto ciò con cui entrano in contatto.

Per conoscere tutti i danni causati da Semi OGM e pericolose sostanze chimiche ampiamente usate in agricoltura, scaricate i seguenti eBook gratuiti dai rispettivi link:
In questi importanti eBook vengono anche spiegate quali sono le giuste Soluzioni/Progetti che, se attuate, possono risolvere concretamente e definitivamente sia il problema degli OGM che tutti gli altri problemi che ci affliggono, permettendoci così di riacquisire Salute, Gioia, Serenità e Benessere per noi, per i nostri cari e per tutti coloro che lo vogliono.
Per approfondire e conoscere alcuni di questi vitali Progetti/Soluzioni visitate le seguenti pagine cliccando sui rispettivi link qui di seguito: “Progetto COMUNE SANO” e “REGIONI LIBERE DA O.G.M.“.

Fonte: laviadiuscita.net
 

Carlo ha detto...

Certo che sono trattate con del "veleno" che è un insetticida oppure un fungicida che viene richiesto dai contadini per evitare danni da insetti o funghi alla coltivazioni. è un metodo molto eco-sostenibili con pochi grammi per ettaro si controllano problematiche che necessiterebbero un uso ben più massiccio di prodotti chimici. giustamente appongono sulle confezioni degli avvisi in modo da non far correre rischi a persone o animali.

la faina ha detto...

Tutti i semi (Monsanto o meno, di fiori o fagiolo) destinati alla coltivazione portano questi avvisi ed è logico che sia così; sono trattati per non ammuffire e per non sviluppare parassiti all'interno delle confezioni ed è quindi ovvio che non si possano mangiare...

Nome

Email *

Messaggio *