lunedì 24 marzo 2014

Madrid, 1 milione in piazza contro le politiche di austerità imposte dalla Troika

Mentre scriviamo a Madrid manifestanti provenienti da tutta la Spagna stanno occupando le piazze nel giorno della Marcia per la dignità, per chiedere reddito, lavoro, diritti e respingere le politiche di austerità imposte dalla Troika. La polizia sta caricando violentemente per sgomberare le piazze in cui sono sorte nuove acampadas. Sparati lacrimogeni e proiettili di gomma contro le barricate erette dai manifestanti, diversi i feriti e gli arresti.
Nonostante la polizia abbia bloccato fuori da Madrid oltre cento pullman di manifestanti (rispetto agli oltre 900 partiti da tutta la Spagna, oltre a quattro treni), le immagini che ci giungono dalla capitale spagnola sono impressionanti. La Marcia per la dignità ha portato in piazza quasi un milione di cittadini contro il pagamento del debito, le politiche del governo e le ricette neoliberali imposte dalla Troika, chiedendo l’immediata abrogazione di tutte le leggi neoliberali imposte dai governi degli ultimi anni. Le rivendicazioni della piazza vanno dal reddito garantito alla gratuità dei servizi pubblici, dall’università alla salute, alla richiesta di casa e lavoro, alla democrazia diretta.
Migliaia di persone sono partiti dai quattro angoli del paese per arrivare fino alla capital nel giorno della dignità, accolti dalle assemblee di quartiere e dai movimenti sociali di Madrid questa mattina, mentre nel pomeriggio sono state occupate le piazze centrali della capitale. In alcune di questesono state portate le tende e montate le Acampadas de la dignidad, ma pochi minuti dopo la polizia ha annunciato che avrebbe considerato illegale la permanenza nelle piazze e sono cominciate le cariche. Secondo il quotidiano Publico.es in questi minuti stanno avvenendo le cariche più violente mai avvenute da quando sono iniziate le mobilitazioni del 15M.
 
 

Nome

Email *

Messaggio *