venerdì 21 febbraio 2014

Venezuela, gli americani ci riprovano: Destabilizzazioni per mezzo delle ‘rivoluzioni colorate’.

La messa in scena dell’opposizione violenta in Venezuela. Verso un’altra “rivoluzione colorata”?

Opposizione Violenta, due morti in occasione della Giornata della Gioventù in Venezuela

Gruppi di opposizione violenta hanno attaccato edifici governativi e civili, e si sono scontrati con la polizia e sostenitori del governo a seguito delle marce pacifiche per commemorare la Giornata della Gioventù.
La violenza ha causato due morti e ha lasciato 23 feriti in tutto il paese. Trenta arresti sono stati fatti secondo fonti del governo.
Il Venezuela commemora il giorno dei giovani, il 12 febbraio di ogni anno in memoria del ruolo dei giovani nella battaglia decisiva dell’indipendenza a La Victoria nel 1814. Oggi ha segnato il bicentenario della storica battaglia.
Caracas
A metà pomeriggio il presidente Nicolas Maduro ha pronunciato un discorso a Caracas, lodando le marce del mattino come pacifiche. Tuttavia, poco dopo un chavista è stato segnalato per essere stato ucciso in mezzo a scontri che hanno coinvolto gli attivisti dell’opposizione. Juan Montoya, conosciuto anche come Juancho è stato ucciso da un’arma da fuoco. Era un leader della comunità nella roccaforte chavista, Barrio 23 de Enero. Questo pomeriggio la testa dell’Assemblea Nazionale Diosdado Cabello ha condannato la sparatoria, e ha accusato i gruppi di estrema destra armati da Montoya.
“Sono fascisti, assassini, e poi parlano di dialogo”, Cabello ha dichiarato, riferendosi al armata di attivisti della destra. I leader di AN hanno invitato alla calma e ha esortato di non intraprendere rappresaglie.
 Juan Montoya, sulla destra, mentre parla all’università El Universal nel mese di agosto dello scorso anno
Gruppi di opposizione violenta hanno anche attaccato l’ufficio del procuratore generale di Carabobo Park, a Caracas. Le fotografie della scena indicano che l’esterno dell’edificio è stato danneggiato.
Un edificio appartenente al governo di proprietà dell’organizzazione Fundacaracas è stato anche attaccato da gruppi dell’opposizione. Poche ore dopo, il sindaco del comune di Libertador di Caracas, il PSUV Jorge Rodriguez ha anche riferito che gli uffici giudiziari in Chacao, Miranda, sono stati attaccati. Più tardi, nella notte la Guardia Nazionale è stata schierata per le proprietà statale VTV degli uffici a Los Ruices. I disturbi erano stati segnalati nella zona, anche se ulteriori dettagli non sono disponibili al momento della scrittura.
In serata, il presidente Nicolas Maduro ha affermato che i gruppi di opposizione violenti hanno anche dato fuoco a cinque veicoli di pattuglia della polizia. Egli ha anche affermato che un gruppo di circa duecento attivisti violenti aveva tentato di attaccare Palazzo di Miraflores dopo l’ufficio del procuratore generale.
Merida
Dopo settimane di piccole ma violente proteste a Merida, c’è stata una grande marcia dei sostenitori del governo in una parte della città andina, e una marcia più grande da parte dei sostenitori dell’opposizione altrove. Entrambi sono stati osservati per essere di natura tranquilla da Venezuelanalysis. Tuttavia, la violenza è iniziata poco dopo che la marcia dell’opposizione finisse. Gli scontri hanno avuto luogo nelle strade di Merida, dopo che individui hanno cominciato a bruciare spazzatura agli incroci e ad erigere barricate.
Un confronto più grande ha avuto luogo presso un importante incrocio nella parte nord della città. Testimoni hanno detto a Venezuelanalys.com di aver visto uomini in passamontagna occupare alcuni appartamenti, e riferiscono di aver sentito il rumore di spari nelle strade sottostanti. La polizia antisommossa ha bloccato l’incrocio. Centinaia di sostenitori del governo si sono riuniti un centinaio di metri dietro le linee della polizia.
“Stiamo difendendo il centro della città”, ha detto un sostenitore Venezuelanalysis.
La marcia pro-governo.
Al corteo filogovernativo al mattino, Roger Zurita ha detto Venezuelanalysis.com: “Sono preoccupato per gli scontri, ma sto marciando perché oggi è il giorno dei giovani, per celebrare la battaglia di La Victoria, non marciamo contro la causa dell’opposizione. Dobbiamo organizzarci attorno ai nostri valori. Stiamo celebrando con felicità e pace i giovani che lottano, per la nostra indipendenza e che lottano per il potere politico. Oggi abbiamo una gioventù anti-imperialista e le persone si stanno svegliando, non cadremo per i giochi della destra. “
“Sto in marcia per vari motivi, soprattutto perché credo ancora nel progetto del nostro paese, che ancora non è stato pienamente realizzato, ma se lavoriamo solo un po’ di più, è difficile a possiamo farlo, perch abbiamo molto da fare. Anche perché è importante dimostrare che siamo in tanti, ci sono un sacco di persone che credono in questo. Quello che sta accadendo a Merida è triste, deplorevole. E’ un peccato che essi [i settori violenti dell'opposizione] non possano proporre nulla senza la violenza. Non dobbiamo rispondere con la violenza. Ma l’unica proposta che sembrano avere è quello di convincere la gente che il potere non ha mai curato circa le persone e che vogliono solo vendere il nostro paese all’impero [USA] “, ha detto Raquel Barrios di Venezuelanalysis, riferendosi agli ultimi quattro giorni di violenze a Merida.
“Sto marciando per commemorare la battaglia di La Victoria, ma [la leadership dell'opposizione] sta manipolando i giovani di Merida e parti dell’opposizione, vogliono porre fine a tutto ciò che abbiamo raggiunto, ma non ce la faranno, perché siamo gente pacifica, ma pronti per ogni battaglia necessaria”, ha detto Douglas Vasquez a Venezuelanalysis.
“Fondamentalmente sto in marcia per salvare Merida. Non possiamo lasciare Merida finire nelle mani di persone violente. Sono un insegnante presso l’Università di Los Andes (ULA), e mi vergogno per i recenti episodi di violenza promossi da persone della ULA, che sperano di creare disagio nel popolo al fine di rovesciare un consolidato e democraticamente eletto governo,” Katania Felisola ha detto a Venezuelanalysis.
La marcia dell’opposizione
La marcia dell’opposizione iniziata alla ULA e ha proseguito lungo Americhe Avenue dopo un cambio di percorso dell’ultimo minuto.
Fernando Peña, uno studente di ingegneria chimica presso l’ULA ha detto al reporter di Venezuelanalysis, Ewan Robertson, “Gli studenti hanno sentito il bisogno di mostrarsi contro [il governo], perché hanno preso studenti prigionieri a Mérida e Táchira solo per aver manifestato il loro diritto di protestare. In questo momento i sentimenti sono molto tesi, perché la gente è stanca del governo, [e] gli studenti sono al centro della mobilitazione in tutto il paese. La gente ormai è profondamente in disaccordo con le decisioni che il governo prende e per chi vive in Venezuela è diventato sempre più difficile “.
Jan Carlos Lopez, operaio presso la Facoltà Medica della ULA ha detto VA, “Alcuni dei motivi principali [della marcia] sono le carenze che vengono vissute nel paese, la criminalità e l’insicurezza. Non c’è un’organizzazione che ci possa proteggere di notte in modo che possiamo uscire. Questo è quello che stiamo chiedendo, sicurezza in modo che tutti i venezuelani possano vivere in pace. “
Altri manifestanti dell’opposizione hanno detto a Robertson, che il governo è responsabile per le violenze, dicendo che sono state inviate “motociclette per attaccare gli studenti”.
Nella violenza dopo le marce, due persone sono stati segnalate come ferite. Uno di questi è Jilfredo Barradas, un fotografo del governo statale.

 “E’ uno show programmato, tutti sapevano che si sarebbe rivelato in questo modo, era previsto”, ha detto un attivista Merida a Venezuelanalysis, riferendosi alla violenza sia nel punto di intersezione Americhe nonché sulla Avenue 3.
Inoltre, Gustavo Bazan ha detto Venezuelanalysis, “Venerdì essi [i settori dell'opposizione violenta] volevano conservare bottiglie molotov [nell'appartamento dove vive Bazan] e rompere i mattoni in modo da avere le rocce. Ho detto a loro che qui non protestavano contro il governo ma contro i propri vicini. Ho sfidato loro di togliersi i loro passamontagna e gli ho detto loro che non erano in grado di discutere e avere una conversazione. Hanno saltato la recinzione e tre di loro hanno cominciato a picchiarmi. Un amico e una guardia di sicurezza dell’edificio mi hanno salvato. Li ho colti in flagrante mentre si preparavano le molotov “.
Altre città
Il Ministro dell’energia Jesse Chacon ha informato attraverso il suo account Twitter che “gruppi violenti” hanno sabotato una stazione elettrica a San Cristobal gettando bombe molotov contro di esso.
Secondo AVN vi sono stati atti di violenza in Aragua e Carabobo “che hanno lasciato danni materiali”.
Il governatore dello stato di Carabobo, Francisco Ameliach ha detto che “gruppi violenti hanno bruciato un camion”. Ameliach ha affermato che la testa del MUD nello stato, Vicencio Scarano aveva finanziato i criminali.
Il ministro per gli affari interni, Miguel Rodriguez Torres, ha detto che i gruppi violenti avevano cercato di impostare il palazzo del governo dello stato Aragua sul fuoco.


Fonte: Tradotto e Riadattato da Fractions of Reality
Tratto da: informarexresistere.fr


Nome

Email *

Messaggio *