giovedì 27 febbraio 2014

L'imprenditore che si è dato fuoco a "La vita in diretta"


"La Vita in diretta" su Raiuno ha ospitato l'imprenditore colpito dalla crisi che ha tentato il suicidio dandosi fuoco, salvato dal provvidenziale intervento di un coraggioso poliziotto:

http://informatitalia.blogspot.com/2014/02/imprenditore-disperato-si-da-fuoco.html

L'imprenditore si è detto molto dispiaciuto e ha detto di provare vergogna per il fatto che il suo gesto abbia coinvolto un agente di polizia, e ha spiegato che ha preso l'estrema decisione perché esasperato e inascoltato dalle istituzioni.

Davanti alla sua attività commerciale è stata installata una barriera antirumore che ha coperto il negozio, già colpito dalla crisi, azzerando le vendite. L'uomo non sapeva più come andare avanti, e le sue proteste sono rimaste inascoltate.

A DIR POCO VERGOGNOSO l'atteggiamento di quel borioso di Alessandro Cecchi Pavone, che colpevolizzava e accusava l'imprenditore, già mortificato di suo.

Il pavone anziché comprendere la disperazione dell'uomo che lo ha condotto all'insano ed estremo gesto, lo accusava come se fosse un criminale... VERGOGNA!

FACILE pontificare per uno pseudo-giornalista prezzolato dal sistema per fare dis-informazione... facile giudicare e accusare ...

VERGOGNATI PAVONE!

Staff nocensura.com

Nome

Email *

Messaggio *