sabato 8 febbraio 2014

Amici blogger, attenzione alle BUFALE inviate via email





 A cura dello staff di Nocensura.com

Ricordate la BUFALA della Presidente della Camera Boldrini in un campo di nudisti? 
Nel Maggio di un anno fa, alcuni blogger divulgarono la foto di una donna nuda in un campo di nudisti, dicendo che si trattava della Presidente della Camera, alla quale la ragazza assomigliava peraltro vagamente. Si trattava di una BUFALA, ed i blogger che presero per buona la notizia e la divulgarono, finirono nei guai. Qualcuno ha ricevuto la visita della Polizia Postale, che si mosse a tempo record.

Ebbene, ieri abbiamo ricevuto una email, da un presunto lettore del nostro blog, che ci ha inviato quella foto, invitandoci a pubblicarla con il seguente messaggio:

Salve , in allegato trovate una foto inedita sulla presidente Laura Boldrini .
La foto risale al 2009 e ritrae lei tutta nuda in una spiaggia per nudisti . . .
Essendo voi sempre per la verità e la non censura per una democrazia reale e non fittizzia come quella redatta ultimamente dalla Boldrini  , spero la rendiate pubblica presso tutti i vostri canali ( facebook , twitter ecc ecc ) .
Non domandatemi come e perchè sono in possesso di questa foto poichè motivi che vanno oltre i grandi poteri . . .
A buon intenditore poche parole  . . .
Sappiamo tutti che esistono poteri piu' grandi che vanno oltre la sempilce comprensione . . .


Questa è solo l'ultima di una serie di BUFALE che ci vengono inviate, per tentare di indurci all'errore di pubblicarla, e magari finire nei guai come è accaduto a chi pubblicò le foto in questione nel Maggio dello scorso anno.

Di email simili a questa, che illustrano presunti scandali riguardanti politici o amministratori, accusati di aver commesso illeciti o di essersi resi protagonisti di scandali che in realtà non hanno commesso, negli ultimi tempi ne abbiamo ricevute diverse.

Diversi elementi ci inducono a credere che NON si trattino di segnalazioni in buona fede, articoli ritenuti interessanti e meritevoli di divulgazione come ne riceviamo a decine ogni giorno (se ci segnalate articoli interessanti - e veritieri - da pubblicare fate cosa gradita) in quanto chi l'ha inviata, con tanto di sofismi per indurci a pubblcarla, non dichiara di aver trovato la foto sul web (basta fare una breve ricerca e salta fuori la storia della bufala in questione) bensì millanta di averla ottenuta tramite chissà quale "informatore"...

La mail in questione risulta ben poco credibile, inoltre la questione in oggetto è talmente nota che dei blogger che come noi seguono con attenzione la scena politica, difficilmente sarebbero potuti cadere nella rete; ma in alcuni casi abbiamo ricevuto "segnalazioni" ben più credibili, ma sempre FALSE, in modo che se fossimo caduti nel tranello, saremmo stati chiamati a rispondere per aver rivolto accuse false e diffamatorie a esponenti politici.

In un momento come quello attuale, con il web sotto accusa per le offese che qualche utente - una minoranza comunque - rivolge ai governanti, è necessario prestare particolare attenzione, in quanto un errore di questo tipo potrebbe costare caro sia all'autore che in generale a tutto il web, sul quale da anni aleggia lo spettro della censura. Tra l'altro spesso le notizie "clamorose" divengono ben presto "virali", riprese di blog in blog, come è accaduto diverse volte, anche perché quando una notizia, seppur falsa, viene riportata da diversi blog, gli altri blogger sono portati a ritenerla veritiera, un po' come avvenne nel caso della bufala in questione.
 
INVITIAMO PERTANTO TUTTI GLI AMICI BLOGGER, A PRESTARE LA MASSIMA ATTENZIONE ALLE SEGNALAZIONI RICEVUTE DA PRESUNTI "LETTORI".

Quello che ci chiediamo, alla luce delle numerose email di questo tipo che abbiamo ricevuto nell'ultimo periodo, è se si tratta di un cretino che si diverte male, oppure di una qualche "organizzazione" che sta cercando di creare confusione e far finire sotto accusa il mondo della libera informazione.

Se gestite un blog e avete ricevuto anche voi email di questo tipo, fatecelo sapere, in modo da poter valutare quanto è esteso il fenomeno.

 
Lo staff di Nocensura.com

Nome

Email *

Messaggio *