lunedì 27 gennaio 2014

Ucraina ed Europa: quello che non dicono





AGGIORNAMENTO - 09/02/2014 - a conferma di quanto sostenuto nell'articolo, è emersa un'intercettazione dell'ambasciatore USA: Intercettato ambasciatore Usa mentre discute su come rovesciare governo ucraino

Il governo ucraino rifiuta di svendere la propria nazione agli eurocrati bilderberghini, rifiuta di perdere la propria sovranità e doversi sottomettere ai trattati capestro, e per questo è sotto attacco; USA e UE finanziano le opposizioni, partiti, movimenti e associazioni che si sono schierate a favore dell'adesione all'UE;

La maggioranza dei cittadini vogliono entrare in Europa, nonostante ormai sia risaputo cosa li aspetta quando pianteranno la bandiera blu stellata, SOLO PER BENEFICIARE DEL TRATTATO DI SHENGHEN (libera circolazione di cittadini su tutto il territorio europeo) cioè poter immigrare senza problemi: se poi la loro nazione finisce nel baratro, evidentemente, non gliene frega niente, il miraggio di "cercare fortuna all'estero" è troppo forte.

Quando noi siamo entrati nell'Euro festeggiando, ubriacati dalla propaganda di tutti i principali partiti, non potevamo sapere quali sarebbero stati gli effetti: non c'erano "esempi", anche se qualche economista censurato dai mass media ci aveva avvertito, mentre tra i politici italiani rilevanti l'unico a dire la verità fu Bettino Craxi: http://youtu.be/QMDpws6aEmo

Ma oggi quali sono gli effetti deleteri della moneta unica e dell'Europa delle lobby gestita dai banchieri privati della BCE, è sotto gli occhi di tutti; ma evidentemente non basta la Grecia ridotta alla fame, con Italia, Spagna, e portogallo che seguono a ruota, paesi un tempo benestanti che oggi arrancano, per starne lontani. E anche per paesi 'periferici' come Cipro e Slovenia l'euro non è stato certo un toccasana... non lo è stato per nessuno, ad esclusione della Germania.

Dal 1° Gennaio anche la Lettonia è passata all'Euro, e in questi 20 giorni i prezzi delle merci sono aumentati vertiginosamente, di almeno il 10% (vedi: http://informatitalia.blogspot.com/2014/01/lettonia-due-settimane-di-euro-ed-i.html) la strada intrapresa dalla ex repubblica sovietica è quella che conosciamo molto bene, noi italiani...

Se il governo ucraino si fosse genuflesso ai diktat american-europei, oggi il governo non sarebbe sotto accusa, non ci sarebbero state manifestazioni...

Un governo che vuole il bene del proprio popolo e della propria nazione dovrebbe aderire a questa UE? Dovrebbe aderire, dinnanzi a una situazione come quella attuale, alla luce dell'operato di questa UE dove il parlamento non ha nessun potere, mentre Commissione e Consiglio decidono e impongono leggi a 500 milioni di europei su nomina diretta del gruppo Bilderberg? Un governo non dico "serio", ma che fa un minimo gli interessi del proprio popolo e della propria terra cosa deve pensare di trattati capestro come il Fiscal Compact e il MES?

Certo il governo Ucraino non è un'esempio di democrazia, ma se avesse sposato quest'Europa con toni entusiastici, sarebbe stato decisamente peggiore. Solo una casta di politici genuflessi e magari corrotti, può accettare e promuovere un'Unione Europea come questa...


Alessandro Raffa

APPROFONDIMENTI:
Vedi: "Editore Britannico: Gli Stati Uniti e la UE sono dietro le manifestazioni in Ucraina" - http://www.nocensura.com/2014/01/editore-britannico-gli-stati-uniti-e-la.html

barbaranotav ha detto...

certo, la Germania prima di entrare nell'euro era con le pezze al culo ed i tedeschi costretti al suicidio ed all'emigrazione non si contano....strano alcuni siti ed estimati economisti parlano di tedeschi ridotti alla fame a causa dei minijobs, ammazza che guadagno. Ah forse intendevi dire le banche? Può darsi, allora sarebbe il caso di distinguere, altrimenti è come se noi dicessimo che come italiani siamo rappresentati da Unicredit.
Indovina indovinello, a chi invece fa comodo un'europa debole e un euro forte?
NOn vorrei sconvolgerti
http://freeondarevolution.blogspot.it/2014/01/lunione-europea-e-stata-voluta-dalla-cia.html

A.G. ha detto...

però sulla questione che approfittino dell'Europa per emigrare non concordo ASSOLUTAMENTE!

Nome

Email *

Messaggio *