domenica 8 dicembre 2013

Incidenza tumori alla tiroide triplicata; entro 2050 triplicherà Alzheimer

Boom tumori tiroide, inquinamento causa?
Quasi triplicati in 20 anni, ma possibile diagnosi precoce

I tumori della tiroide sono aumentati negli ultimi 20 anni di quasi tre volte, e fra le cause di questo vero e proprio boom ci sono l'esposizione a radiazioni, a sostanze tossiche o la carenza di iodio, mentre per l'inquinamento non ci sono ancora prove certe. Lo hanno affermato gli esperti dell'Associazione Italiana Tiroide durante il loro congresso annuale. Secondo gli ultimi dati disponibili in Italia ci sono circa 14mila nuovi casi di tumori alla tiroide all'anno (di cui 3 mila di uomini).

Fonte: ANSA

-
Alzheimer: nel 2050 in Europa 115 milioni di malati (triplicheranno i casi)
(ASCA) - Milano, 22 nov - Nel 2030 i malati di Alzheimer in Europa saranno oltre 65 milioni e nel 2050 saliranno a 115 milioni, con un costo sociale elevatissimo, oggi gia' oltre i 100 miliardi di euro all'anno: eppure sono molti gli stati, tra cui l'Italia, a non avere ancora un piano strategico nazionale per la gestione di questi pazienti. Per far fronte a questa emergenza, l'Istituto Neurologico ''Carlo Besta'' ha coordinato 31 gruppi di ricercatori impegnati nello studio e nella gestione di questa patologia in tutta Italia, con il supporto del Ministero della Salute, per sviluppare e validare un protocollo per la diagnosi precoce di malattia di Alzheimer e valutare le implicazioni del suo trasferimento al Servizio Sanitario Nazionale. In questo ambito e' stato sviluppato, in collaborazione con Regione Lombardia e ASL di Milano, il primo modello italiano integrato ospedale-territorio per diagnosticare, trattare e gestire i pazienti colpiti da demenza, gia' sperimentato in tre distretti ASL del capoluogo lombardo e oggi esteso a tutta la citta', coinvolgendo oltre 2000 malati. Tra i risultati piu' importanti vi sono l'individuazione di nuovi test molecolari per la diagnosi di malattia di Alzheimer, un percorso diagnostico terapeutico assistenziale efficiente e uguale per tutti i pazienti, cartelle cliniche condivise elettronicamente tra medici di base e specialisti e una mappa elettronica di tutti i servizi per pazienti disponibili sul territorio. I risultati del progetto sono stati presentati a Milano presso il Palazzo della Regione Lombardia nel corso del convegno ''Malattia di Alzheimer: strategie e modelli per affrontare la pandemia''. Sottolinea Fabrizio Tagliavini, direttore del Dipartimento di malattie neurodegenerative dell'Istituto Neurologico Carlo Besta: ''In Italia non vi e' un piano nazionale per le demenze, sebbene il Ministero della salute abbia pubblicato un documento in dieci punti per lo sviluppo di una strategia nazionale. L'attuale organizzazione si basa sulla rete di unita' di valutazione Alzheimer; tuttavia, vi e' una grande eterogeneita' sul territorio nazionale nei servizi erogati da regioni e strutture locali per la valutazione, la diagnosi e la gestione dei malati. Ne consegue che in Italia non tutti gli individui ricevono le cure di cui hanno bisogno, in particolare nelle fasi iniziali della malattia''. ''Per questa ragione - continua Tagliavini - ritengo molto importante che il Piano nazionale demenze diventi una priorita' del Governo, anche per limitare con la diagnosi precoce i costi sociali di questa patologia a cui il prossimo 10 dicembre sara' dedicato un summit del G8 in Inghilterra''.

Fonte: http://it.notizie.yahoo.com


Tratto da: Informati

Vittore Molino ha detto...

Grazie Cernobyl.

kiriosomega ha detto...

Si sta facendo avanti l'ipotesi che Alzheimer e qualità del sonno abbiano strette relazioni. Infatti, per altri studi, si è compreso che il sonno ha una sua necessità fisologica precisa, quella di far avvenire "le pulizie neurogliali" in maniera opportuna attraverso il drenaggio. Allora i prioni altro non sarebbero, è verosimile l'ipotesi, che un prodotto catabolico del pirenforo.
kiriosomega

Nome

Email *

Messaggio *