venerdì 8 novembre 2013

Circa D'Annunzio e il "Vittoriale degli italiani"...

Riceviamo e pubblichiamo, da un nostro amico-lettore-collaboratore:

Il Vittoriale degli Italiani, Il complesso monumentale
Foto: Wikipedia
Recentemente ho avuto l'occasione di vistare il Vittoriale d'Italia a Gardone Riviera (BS) (costa ovest del Lago di Garda)
Come sicuramente saprai tale sito è la modesta dimora/museo che Gabriele D'Annunzio volle lasciare ai posteri quale segno indelebile di una vita vissuta in umiltà rifuggendo sempre le tentazioni della mondanità e il clamore delle folle.

Naturalmente sto scherzando.

In realtà questa villa, con annesso parco, (che ospita nientedimeno che il suo mausoleo, la prua di una nave da guerra  e una imbarcazione leggera da guerra degli anni venti/trenta chiamata MAS) è lo specchio della vita del poeta patriota irredentista D'Annunzio vissuta sempre all'insegna del più sfrenato culto della personalità ( e, non ultima, della perversione sessuale).
D'Annunzio ha insomma personificato l'deale della filosofia del SUPERUOMO.

Perchè ti scrivo su questo argomento?
La ragione sta in ciò che si apprende visitando l'interno della villa (visita guidata) con occhio attento e critico.

La visita inizia con l'ingresso ove è collocata una breve scalinata interna oltre la quale si accede agli appartamenti di D'Annunzio. Tutti i locali, avvolti nella penombra, (per volere del proprietario che pare soffrisse la luce intensa) hanno un denominatore comune: la saturazione esasperata di pareti, panche, tavoli, armadi degli oggetti più disparati attinenti all'arte, alle religioni e alla storia personale del poeta. Due sono però i locali più significativi:


- la sala delle religioni in cui sono presenti in sovrabbondanza simboli di varie religioni tra cui vari Budda. La guida così ha descritto questo luogo: " D'Annunzio riteneva che la spiritualità comprendesse tutti i culti religiosi. Lui credeva che Dio fosse in lui, che lui fosse Dio. Egli era un Illuminato"

- la camera da letto della nuova ala dei suoi appartamenti. Verso la fine della sua vita D'Annunzio, ritenendo prossimi tempi nuovi,  concepì tutti gli arredamenti e ornamenti di questa sala (decisamente più moderna e luminosa del resto della casa in stile fine ottocento) ma il progetto e la realizzazione vennero affidati ad un architetto di sua fiducia. Egli però non potè godere di questo nuovo spazio perche morì (1938) prima della ultimazione dei lavori.
La decorazione che spicca in questa sala è posta sopra la testata del letto. Si tratta della rappresentazione di un  occhio. Alla domanda su chi avesse disegnato quell'oggetto e quale fosse il suo significato la guida ha così risposto: "Anche se l'opera è stato realizzata postuma, il disegno originale fu di D'Annunzio. In esso è rappresentato l'occhio omniscente", aggiungendo poi, forse per diluire l'effetto di tale affermazione, "si riferisce al terzo occhio dell'Induismo ...)
La deduzione che si può fare è che D'Annunzio con il suo culto dell'Uomo-Dio, con la sua concezione sincretistica delle religioni (Tutte le religioni si equivalgono e concorrono a formare una sorta di spiritualità universale) e con la rappresentazione dell' "occhio omniscente" (lo stesso che appare sulla banconota da 1 dollaro USA)  doveva appartenere, con tutta evidenza, alla Massoneria Illuminata (o Sovramassoneria).

Tuttavia le sorprese non finiscono qui. Infatti è ora che viene il bello.

Superato l'ingresso della villa, una volta saliti i gradini della breve gradinata interna, se ci si volge indietro per guardare la porta d' entrata si vede qualcosa di inaspettato. Sulla parete, in posizione centrale e con dimensioni non troppo vistose, fa bella mostra di sè lo stemma dei Gesuiti (IHS). Alla domanda sul perchè fosse presente quel simbolo in un tale contesto la guida ha risposto fuggevolmente che "esso è semplicemente uno dei tanti simboli di carattere religioso presenti nella casa".
La risposta non mi è parsa perfettamente pertinente in quanto quel simbolo rappresenta anche e di gran lunga  il  più potente Ordine religioso militare della Chiesa Cattolica Romana.

Cosa ci sta a fare tale insegna proprio all'ingresso di una simile casa-museo dove sono presenti chiare simbologie della Massoneria Illuminata?


Un'altra ennesima coincidenza o si tratta di ben altro?



Un lettore di Nocensura.com

Angy Colombo ha detto...

Buonasera, sono andata oggi al Vittoriale e il posto mi ha oltremodo incuriosito perchè sono palesi i riferimenti e le simbologie massoniche, ma come hai osservato tu la guida se ne guarda bene dallo spiegarle dando spiegazioni banali. Arrivata a casa sono andata anche a guardare su internet se ci fosse spiegazione delle numerosissime simbologie massoniche sparse nelle stanze, nel giardino e in tutto il parco...ma non ho trovato nulla che elencasse cio'...mah...

Nome

Email *

Messaggio *