martedì 1 ottobre 2013

Poliziotto "del G8" condannato a 12 anni per stupro in Questura


E' stato condannato a 12 anni e mezzo di reclusione per stupro l'assistente capo di polizia Massimo Luigi Pigozzi. Questa la decisione della terza sezione penale della Cassazione. Pigozzi, già condannato a tre anni e due mesi per le violenze avvenute nella caserma di Bolzaneto nei giorni successivi al G8 di Genova del 2001, dovrà anche risarcire una delle vittime delle violenze sessuali avvenute durante il servizio prestato presso la Questura di Genova. 


VIOLENZE IN QUESTURA - Al centro di questo secondo processo a carico dell'agente già sul "libro nero" del G8 del 2001, le violenze sessuali avvenute ai danni di donne in stato di fermo mentre si trovavano nella camera di sicurezza della Questura del capoluogo ligure. Pigozzi, che nel procedimento sui fatti di Bolzaneto venne ritenuto responsabile di aver letterlmente strappato una mano al manifestante Giuseppe Azzolina, era stato condannato già in primo grado che in appello e la sua condanna per violenza sessuale aggravata e abbandono di posto di servizio è ora stata confermata dalla Suprema Corte.

CONDANNATO ANCHE LO STATO - I giudici di secondo grado avevano escluso la responsabilità civile del ministero dell'Interno ma la Cassazione ha accolto il ricorso di una delle donne vittima di violenza, una straniera costituitasi parte civile nel processo, e condannato il Viminale a risarcirla.

IL RICORSO - La donna vittima di violenze, nel suo ricorso, aveva rilevato che "le mansioni svolte dall'imputato hanno grandemente agevolato la condotta criminosa", addebitando "allo Stato una culpa in vigilando" per aver dato a Pigozzi un "compito delicato - si sottolineava nel ricorso - benché fosse già stato condannato per episodi di violenza gravissima contro soggetti fermati (fatti verificatisi a Genova in occasione del G8)".

Fonte: today.it

Tratto da: http://www.osservatoriorepressione.blogspot.it/2013/10/polizotto-del-g8-condannato-12-anni-per.html

Nome

Email *

Messaggio *