*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 16 settembre 2013

Da New York nuovi scottanti particolari sull’11 Settembre

11 Settembre: nuova storica rivelazione, 200 agenti Mossad vennero arrestati prima e subito dopo attacchiNEW YORK (PRESS TV) – Nuovo incredibile particolare sull’11 Settembre rivelato dal giornalista americano Mark Glenn.
Il cronista e scrittore dello Stato dell’Idaho ha rivelato nella trasmissione The Debate alla rete satellitare Press TV che “cinque spie israeliane vennero arrestato nella mattina dell’11 Settembre dopo essere stati identificati nelle vicinanze del fiume al Liberty State Park, in New Jersey, perchè si erano appostati ed avevano filmato il crollo delle Torri (gemelle)”. Glenn aggiunge: “Quelle cinque spie vennero velocemente mandate in Israele dall’allora segretario della Sicurezza nazionale Micheal Chertoff, ma egli stesso ammise in seguito alla tv israeliana che erano spie del Mossad inviate per documentare l’evento”. “Circa 200 agenti del Mossad vennero arrestati prima e subito dopo l’11 Settembre, e tutti loro hanno fallito nel test della macchina della verità…avevano tutti ricevuto un addestramento militare ed avevano con se particolari sistemi elettronici e maneggiavano esplosivo e questi individui sono stati tutti rispediti in Israele”, ha ricordato ancora Glenn.

Link originale in inglese: http://www.presstv.ir/detail/2013/09/12/323517/too-many-holes-in-us-911-narrative/

Fonte: Irib Italia

Dick Cheney: il “veggente” dell’11 Settembre

Dick Cheney: il “veggente” dell’11 settembreCome abbiamo visto in precedenza, il fatto che le telefonate con i cellulari non possano essere state fatte dagli aerei in volo sembra confermare che la famosa “rivolta” dei passeggeri, sul volo 93, fosse soltanto una leggenda costruita a tavolino, che aveva due scopi principali: uno, diffondere immediatamente nel mondo l’idea che a bordo degli aerei ci fossero dei terroristi islamici, e due, creare un evento eroico attorno al quale far convergere le emozioni di milioni di americani sin dalla sera dell’11 settembre.
A supporto di questa ipotesi c’è anche un altro fatto interessante: il commento che Dick Cheney fece nel PEOC – il bunker di comando della Casa Bianca – dopo aver appreso che il volo 93 si era schiantato a Shanksville.

Secondo la commissione 11 settembre, infatti, nessuno nel Peoc sapeva nulla del volo dirottato, fino a quando non si è schiantato a terra. [...]
“Per le 10:03 – ha scritto la Commissione – quando United 93 si è schiantato in Pennsylvania, non c’era stato nessun accenno al suo dirottamento, e l’aviazione civile non era ancora stata inclusa nella teleconferenza”.
La moglie di Cheney, Lynn, si trovava con il marito nel PEOC, quando vennero a sapere del volo 93.
Visto che “non sapevano di sicuro perchè l’aereo fosse caduto”, e visto che in precedenza non avevano avuto nessuna informazione sul volo 93, come ha fatto dick Cheney ad arrivare alla conclusione che ci “fossero degli eroi su quel’aereo?”
Visto che il CICAP si occupa di paranormale, dovrebbero intervistare Dick Cheney, per cercare di capire se davvero avesse delle doti di veggente, oppure se la cosa fossa stata decisa in anticipo. (In ciascuno dei due casi il CICAP finirebbe per sputtanarsi: o devono ammettere che esiste il paranormale, oppure devono ammettere che la versione ufficiale dell’11 settembre è falsa).

Fonte: http://www.informarexresistere.fr/2013/06/28/dick-cheney-il-veggente-dell11-settembre
 

Nome

Email *

Messaggio *