Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

martedì 9 luglio 2013
oliodipalma
SGRANOCCHIARE PATATINE ALL’ORA DELL’APERITIVO
Può alterare non solo il nostro stato di salute, ma ha conseguenze distruttive sulle foreste primarie indonesiane. Sotto accusa l’olio di palma e gli additivi Marktcheck, il servizio austriaco di guida agli acquisti ha effettuato un confronto sulla qualità delle patatine che si trovano nei bar e nei supermercati e a cui i bambini spesso non riescono a rinunciare.Secondo la verifica alcuni prodotti contengono additivi come esaltatori di sapore con comprovati effetti collaterali. Tra gli ingredienti compare l’olio di palma, la cui produzione è ritenuta responsabile della distruzione delle foreste primarie indonesiane.Il gruppo di lavoro di marktcheck.at  ha giudicato in base a criteri ecologici  (ingredienti, trasporto, ogm, confezionamento, olio di palma) e a ciò che riguarda la protezione degli animali. Al posto di oli di provenienza locale molti produttori utilizzano gli oli di palma più economici provenienti dall’Indonesia. L’azienda indonesiana Sina Mas per far posto alle piantagioni avrebbe smembrato una grossa fetta di foresta pluviale, habitat degli Orango Tango. Purtroppo la legislazione non prevede una dichiarazione in etichetta dell’olio di palma, ma il suo utilizzo si nasconde sotto la dicitura “oli vegetali” o “grassi vegetali”.

papricaUN’ALTERNATIVA PIU’ SOSTENIBILE 
E’ quella che prevede di utilizzare l’olio di girasole, ma sono ancora in pochi che vi ricorrono. Soltanto alcune aziende però hanno voluto dare informazioni dettagliate. Anche sulla provenienza delle patate è stato molto difficile recuperare informazioni precise.Mentre le patatine classiche non presentano particolari problemi di additivi, il problema si fa serio in quelle aromatizzate, ad esempio al gusto paprica. Diversi prodotti contengono l’esaltatore di sapidità E 621, un glutammato che funziona come appetitivo e può generare complicazioni di salute negli individui sensibilizzati.Un alto consumo può generare i sintomi di mal di testa o nausea, conosciuti come “sindrome da ristorante cinese”.I consigli: si può sicuramente fare a meno di consumare questi prodotti, visti gli alti contenuti di sale e oli vegetali di dubbia provenienza. Preferire quelli che utilizzano olio di oliva o girasole.



Fonte: http://www.ilfattaccio.org/2013/07/09/le-patatine-distruttive-2/marktcheck.at

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi