sabato 1 giugno 2013

Istat: l'austerity finirà nel 2093

PF-austerity.jpg
Il calcolo che gli illustri economisti non hanno fatto, lo propone l'Istat: per portare il rapporto debito-Pil al 60% ci vorranno 80 anni. Se il Paese cresce, naturalmente.
Di Debora Billi
Dal momento che ho un'incrollabile fiducia nell'informazione italiana, sono sicura che le grandi testate rilanceranno ed approfondiranno alla velocità della luce una notizia importantissima diffusa da Reuters Italia (Reuters, non un ciclostilato dei centri sociali) già una settimana fa.
Si tratta di questo. Secondo i calcoli dell'Istat (Istat, l'istituto nazionale di statistica, un ente pubblico: non un ragionier Rossi qualsiasi), se non cambiano le regole del bilanciol'austerità durerà ottant'anni. Poi smetteremo finalmente di tirare la cinghia.
Per chiari motivi anagrafici non vedremo il luminoso futuro né io né voi, lettori. Magari i vostri figli, se siete giovani. Altrimenti i nipoti o i bisnipoti. Eppure i politici continuano a giurare che l'amara cura di lacrime sudore sangue è una medicina portentosa, la svolta è dietro l'angolo (sì, come no), bastano pochi mesi, un annetto massimo, e si rialza la testa tutti quanti di nuovo.

Non prendiamoci in giro: sapevano benissimo che non è vero anche prima che glielo dicesse l'Istat. Adesso veramente non hanno più scuse. Il re è nudo, come nella fiaba di Andersen. Purtroppo la vocina che lo segnala non diventa un assordante coro di sberleffi e lazzi: che diamine, siamo in Italia, mica in una fiaba.
Insieme al Rapporto 2013, dunque, l'Istat ha diffuso un allegato con una simulazione deglieffetti del fiscal compact, cioè lo scellerato obbligo (ce lo chiede l'Europa...) di ridurre ogni anno il rapporto debito pubblico-Pil fino a che non sia raggiunta la fatidica soglia del 60%.
Pur senza citare l'Italia, l'Istat ha calcolato gli effetti del fiscal compact su un Paese che - guardacaso come l'Italia - ha un rapporto debito-Pil del 130%. Ha calcolato un tasso di crescita dell'1% (ottimisti, l'Italia è in recessione) e un costo medio del debito del 4%, compatibile con l'altalena del famoso spread.
Risultato. Ci vorranno appunto circa 80 anni per portare il rapporto debito-Pil al 60%.
Bisogna cambiare strada. Per noi e per i nostri figli. Il re è nudo: diciamolo, almeno.

Fonte: http://crisis.blogosfere.it/2013/05/istat-lausterity-finira-nel-2093.html

Nome

Email *

Messaggio *