giovedì 2 maggio 2013

Una mamma avverte: genitori, attenti alle vaccinazioni!

Cathy Jameson su Age of Autism

Abbiamo deciso di tradurre un'ulteriore testimonianza di Cathy Jameson, tratta da Age of Autism, dopo quella
già tradotta e pubblicata da Emergenzutismo con cui avevamo voluto onorare le mamme dei bambini che combattono contro l'autismo e ne affrontano la durezza e la crudeltà ogni giorno. Cathy descriveva infatti  il lavoro quotidiano di migliaia e migliaia di madri, dando voce alle sensazioni e ai pensieri di ognuna di loro,  mamme che trascorrono le loro giornate al computer, tra visite mediche e sessioni di terapia, mamme che devono essere disponibili per i loro figli 24 ore su 24, 7 giorni su 7. In questo suo articolo Cathy si rivolge invece direttamente agli altri genitori per raccontare loro quello cui potrebbero andare incontro se il loro bambino diventasse una delle vittime dei vaccini, subendo un danno che potrebbe distruggergli la vita. Il messaggio di questa coraggiosa madre si oppone a quello di alcuni medici che offendono quei genitori che fanno scelte diverse dal programma vaccinale consigliato. Questi genitori sono degli irresponsabili o semplicemente si oppongono a far partecipare i loro adorati figli a quello che giudicano una "roulette russa"? Decidete voi!
Un mondo di dolore

Siamo agli insulti: un genitore che sceglie di informarsi e di  non ricorrere per il proprio figlio  al protocollo vaccinale tradizionale viene definito “un genitore irresponsabile al pari di chi lascerebbe il proprio bambino giocare senza controllo nel traffico “

(Dr. James Conway).

Ho dovuto rileggere questa ultima frase diverse volte,  perché francamente non credevo che qualcuno avrebbe potuto non solo dire, ma anche solo pensare una cosa del genere. Sono rimasta letteralmente scioccata. Poi mi sono arrabbiata e, infine, sono stata invasa da una tristezza infinita: volevo solo piangere.

Ma, no, non voglio più piangere.

Ho già pianto per i gravi problemi di mio figlio che ha subito un danno da vaccino, ho già pianto per un amico il cui figlio è morto a causa di un danno da vaccino. Ho pianto per il figlio di un altro amico che è stato vittima di bullismo e deriso  perché è diverso, anche lui a causa di un danno da vaccino,  ho pianto per un bambino cui viene negato il sostegno a scuola di cui ha  bisogno a causa di un danno da vaccino. Ho già pianto per le centinaia di genitori che conosco e che stanno cercando con tante difficoltà, proprio come me,  di vivere una vita piena di dolore,  di tristezza, di paura, di dispiacere e di enormi preoccupazione a causa del danno da vaccino subito dai loro figli. Ho già pianto tanto.

Oggi non voglio piangere più  e di nuovo parlerò, griderò il mio pensiero:

Cari lettori, cari amici e care famiglie, per favore informatevi  prima di vaccinare i vostri figli. Non vorrete unirvi a me e fare tutte le ricerche che  devo fare per offrire una migliore qualità di vita e una migliore istruzione a mio figlio Ronan. Non vorrete essere proprio quell'uno degli “1 su 110” che rientrano nella diagnosi di disordine dello spettro autistico. Certamente non vorrete spendere ore e  ore di ricerca come sono costretta a fare io per trovare un briciolo di risorse utili per mio figlio. Non vorrete sopportare ore e ore di attesa infinita come faccio io per Ronan. Non vi piacerebbe certo tutto il lavoro supplementare o lo stress per  gestire la sua difficile giornata. Io amo teneramente mio figlio e non voglio che nessuno soffra come lui. Ronan vale ogni goccia di sudore, ogni lacrima di gioia o di dolore che ho speso per lui, ma le conseguenze del danno da vaccino sono difficili, vi fanno compiere un viaggio per cui non esistono facilitazioni o aiuti di nessun tipo. Significano diete speciali, notti insonni, il sovraccarico sensoriale e innumerevoli pellegrinaggi tra i vari esperti. Il danno da vaccino non sono parole, sono reali difficoltà, ed è terribile doverle affrontare. E' un mondo di dolore. Evitatelo voi che potete.


Fonte: http://www.emergenzautismo.org/content/view/1015/5/

Nome

Email *

Messaggio *