Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 11 maggio 2013
Spending review: Enrico Bondi e Mario MontiSe durante il fine settimana lavi l’auto, controlli l’olio, la pressione dei pneumatici e cosi via, questo post fa per te. Un’automobile non può funzionare senza il lubrificante, l’olio appunto. Per questo, regolarmente, estrai dal motore l’asta di metallo. Sai perfettamente che il livello dell’olio non deve essere né troppo basso, né troppo alto, quindi all’interno di due limiti (tacca di minimo – tacca di massimo). Il mancato rispetto degli stessi danneggia il motore. Immagina l’Italia. Il motore di una nazione siamo noi, con le nostre idee, competenze e la nostra volontà. Ok, noi siamo il motore, ma l’olio – la spesa a deficit, la differenza tra la spesa dello Stato e gli introiti fiscali – per far scorrere perfettamente gli ingranaggi chi lo mette? Chi lo controlla? Lo Stato. Compito fondamentale di un governo è garantire che l’olio nel motore (spesa a deficit) sia della quantità adeguata, sopra il minimo, sotto il massimo. Così il motore funziona perfettamente e la piena occupazione è possibile.

Se c’è troppo poco olio, il motore si blocca e la disoccupazione aumenta. Rifletti: la strategia europea attuale, in risposta alla crisi, è l’austerity: eliminare ogni goccia di olio dal motore, fino all’ultimo residuo nel più remoto ingranaggio perché, dicono, cosi funzionerà meglio. Può andare a buon fine questa strategia? L’austerità in risposta alla crisi imposta dalla perdita di sovranità monetaria è una scelta che blocca l’auto. Cosa accade invece se c’è troppo olio nel “motore Italia”? Compito dello Stato è anche evitare che l’olio trabocchi. Un fraintendimento base relativo alla Me-Mmt, è la credenza errata che uno Stato monetariamente sovrano debba spendere all’infinito. Sbagliato. Lo Stato spende, cioè inietta olio, ma mai oltre la tacca di “massimo livello”, che è rappresentata dalla piena occupazione. Utilizzata la piena capacità dei fattori produttivi e delle risorse umane, ulteriore olio motore (spesa a deficit) genererebbe inflazione, una cosa di cui il “motore Italia” non sente la mancanza.
Trattato di Maastricht, fatale firmaInoltre lo Stato non deve spendere a caso, ma concentrare i suoi sforzi affinché il motore, che siamo noi, possa esprimere la sua efficienza nel migliore dei modi possibili, quindi perseguendo esclusivamente l’interesse pubblico. Capire un malinteso. Possono i cittadini rabboccare l’olio autonomamente? No, perché nessuno di noi è in grado di produrlo. Qualcuno ce lo deve fornire e l’unica azienda che lo produce è lo Stato, a cui non costa nulla. Potrebbero fornircelo anche le banche, ma loro lo prestano solo per un arco di tempo, terminato il quale lo rivogliono indietro. Quindi vivremmo sempre con l’ansia costante di cercare qualcun altro che ci venda altro olio, altrimenti il motore si rompe.
Per decenni, il governo italiano ha speso a deficit. Le entrate fiscali sono sempre state abbondantemente sotto la spesa primaria (primary expenditure, la spesa dello Stato da cui sono stati decurtati gli interessi sul debito pubblico). All’inizio degli anni ’90 l’ideologia dell’Ue, per opera del Trattato di Maastricht, ha preso il sopravvento. Da quel momento la tassazione è sempre stata superiore alla spesa. Ogni anno lo Stato ha eliminato denaro dai nostri conti correnti, distruggendo la domanda di beni e servizi. I risultati li vediamo oggi. Spero che questa metafora sia utile a te, che ti danni a far comprendere al vicino di casa come il ruolo dello Stato sia naturale per far funzionare correttamente il motore (Ps: se mentre rabbocchi l’olio pensi alla spesa a deficit e ne metti troppo, non è colpa mia).
(Dario De Angelis, “La spesa a deficit spiegata a un appassionato di motori”, dal sito “MeMmt” creato da Paolo Barnard per diffondere la Modern Money Theory elaborata dall’economista democratico Warren Mosler).


Fonte: http://www.libreidee.org/2013/05/da-ventanni-lo-stato-spende-meno-di-quanto-gli-versiamo/

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi