mercoledì 15 maggio 2013

Alert Europa. Francia entra in recessione. Peggiora Germania

 Politiche austerity imposte da Berlino fanno un'altra vittima. Parigi assiste a due trimestri consecutivi di crescita negativa. L'intera Eurozona e' in contrazione.
 
ROMA (WSI) - La Francia è in recessione. La fotografia scattata questa mattina dall'Ufficio nazionale di statistica, Insee, non lascia spazio a interpretazione alternative. Nel primo trimestre del 2013 il Pil di Parigi ha accusato una contrazione dello 0,2%. Nell'ultimo trimestre del 2012 aveva registrato un analogo calo del Pil. 

Quindi non c'è scampo: la recessione tecnica si verifica, infatti, dopo due trimestri di crescita negativa di fila. Ed è appunto questo il caso francese. Gli economisti si aspettavano una flessione dello 0,1%. Come se non bastasse questo ad allertare l'Eliseo, il potere d'acquisto delle famiglie francesi ha registrato nel 2012 un record negativo dello 0,9%, ha aggiunto sempre l'istituto di statistica nazionale. L'Insee, a fine marzo, aveva messo in conto un ribasso, ma nell'ordine dello 0,4%. 

Da qui la decisione di rivedere al ribasso anche il dato sui consumi, portandolo allo 0,4% dal precedente 0,1%. Si salva ancora la Germania.L'economia tedesca é stagnante: cresce solo dello 0,1% destagionalizzato nel primo trimestre del 2013 rispetto ai precedenti tre mesi. Il dato è al di sotto delle previsioni degli economisti, che si attendevano un'espansione dello 0,3% della principale economia europea. Nell'ultimo trimestre del 2012, il Pil aveva fatto registrare un calo dello 0,6%.

Ma se si allarga l'orizzonte temporale anche qui il quadro è poco roseo: su base annua il PIl della Germania risulta, infatti, in rallentamento, con un calo dell'1,4%, dopo essere rimasto invariato nel quarto trimestre. E le sorprese potrebbero non essere finite qui, dicono nelle sale operative alcuni trader. In mattinata sarà comunicato il dato sul Prodotto interno lordo dell'euro zona. Secondo un sondaggio effettuato da Reuters su un panel di 65 economisti il dato dovrebbe evidenziare una flessione dello 0,1%. Attesi anche i dati preliminari sul Pil di Italia, Grecia, Portogallo e Olanda.

Guardando all'Eurozona nel suo complesso, l'area non esce dalla recessione economica. Il Pil complessivo dei 17 paesi dell'area valutaria ha subito infatti un nuovo calo, pari allo 0,2% rispetto ai tre mesi precedenti, stando ai dati preliminari diffusi da Eurostat, peggio di quanto atteso in media dagli analisti. Su base annua il prodotto interno lordo è sceso -1%. Nel quarto trimestre del 2012 il Pil dell'area euro era calato dello 0,6% dal trimestre precedente e dello 0,9% su base annua.



Fonte: http://www.wallstreetitalia.com/article/1567549/crisi/alert-europa-francia-entra-in-recessione-peggiora-germania.aspx

Nome

Email *

Messaggio *