venerdì 5 aprile 2013

Triplice suicidio a Macerata: si uccide una coppia, il fratello di lei li segue.

 MACERATA - «Mi prenderanno l'auto?»: era questa la paura di Anna Maria Sopranzi, la donna di 68 anni che si è tolta la vita insieme al marito Romeo Dionisi perchè, a corto di denaro, non riuscivano più ad andare avanti. Paura dei pignoramenti, che per persone come loro, vissute sempre modestamente ma con dignità, erano un vero spauracchio. Anche se l'auto era «una vecchia Panda di 20 anni fa». Lo racconta un vicino della coppia, Ivo Costamagna, che è anche il presidente del consiglio comunale di Civitanova Marche, l'ultima e forse unica persona alla quale i Dionisi, molto riservati, si erano rivolti per avere un consiglio, stretti com'erano ormai in una «tenaglia mortale».
L'uomo, infatti, che aveva lavorato come muratore per 35 anni, con la crisi dell'edilizia era rimasto a spasso, ma continuava tenere aperta la sua posizione all'Inps. Negli ultimi tempi, però, non riusciva a far fronte ai versamenti e si era indebitato con banche o finanziarie: «Una decina di migliaia di euro», dice Costamagna, tanti quanti Dionisi avrebbe dovuto riscuotere da un'impresa edile per la quale aveva lavorato in nero, anch'essa travolta dalla crisi.
Una situazione difficile, che si trascinava ormai da un anno e mezzo: «Lei, soprattutto, mi è sembrata depressa, mentre lui ancora lottava», l'ultima impressione ricevuta da Costamagna. Ma di rivolgersi ai servizi sociali i Dionisi non ne volevano sapere, e continuavano a soffrire di quella dignità lesa, a fronte di quel poco che si erano costruiti in una vita.
Il fratello di Anna Maria, Giuseppe, era andato a vivere con loro. Stanotte, quanto Romeo e la moglie sono scesi in garage per farla finita, lui dormiva. Questa mattina, al suo risveglio, non li ha trovati in casa ma non si è preoccupato. È andato a prendere il giornale come faceva tutti i giorni in un'edicola vicina.
Al ritorno ha visto gente, carabinieri, ambulanze davanti casa. Quando ha scoperto quello che era successo ha perso la testa: se n'è andato e l'ha fatta finita pure lui gettandosi in mare. Tre vite distrutte. I corpi di Anna Maria e Romeo erano vicini: l'ultimo passo lo hanno fatto insieme.

LUTTO CITTADINO Il sindaco di Civitanova Marche Claudio Corvatta ha proclamato per domani il lutto cittadino dopo la tragedia che ha sconvolto la città per il triplice suicidio dei due coniugi in difficoltà economiche e del fratello di lei che non ha retto alla disperazione. I Teatri di Civitanova e l'Amat, aderendo alla giornata di lutto, hanno rinviato al 21 aprile la manifestazione 'Sotto a chi danza!' in programma domani al Teatro Annibal Caro.

DOMENICA I FUNERALI Si svolgeranno domenica alle 9 nella chiesa di San Giuseppe a Civitanova Marche i funerali di Romeo Dionisi, della moglie Anna Maria Sopranzi e del fratello di lei Giuseppe, tutti e tre suicidi: i primi due perchè non riuscivano a far fronte alle difficoltà economiche, il terzo perchè, appresa la notizia, non ha retto alla disperazione e si è gettato in mare. Le salme sono a disposizione dei familiari nell'obitorio dell'ospedale cittadino. Fonte: leggo.it

TRIPLICE SUICIDIO A MACERATA: SAPUTA LA NOTIZIA SI UCCIDE ANCHE IL FRATELLO DELLA DONNA DELLA COPPIA SUICIDATA.
Anche il fratello della donna che questa mattina e' stata trovata morta insieme al marito nel maceratese si è tolto la vita. Il corpo dell'uomo è stato ripescato nelle acque antistanti il molo sud del porto di Civitanova: anche lui e' un pensionato, 73 anni, con un passato da operaio nel settore calzaturiero. Viveva nell'abitazione adiacente a quella della coppia. Secondo quanto si e' appreso, quando l'uomo e' arrivato sul luogo del duplice suicidio, non avrebbe retto al dolore. Fonte: affaritaliani.libero.it

Tratto da "Senza peli sulla lingua" Fb

Nome

Email *

Messaggio *