Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 19 aprile 2013
empoli_scritte_cucchi_stefano04Il legale della famiglia smonta la perizia della Corte che attribuisce la morte adenutrizione: «Scientificamente sbagliata»

Se Stefano Cucchi non fosse stato vittima di «un pestaggio feroce nelle celle del tribunale, non sarebbe morto». Invece «fu torturato e morì per il dolore», i suoi ultimi giorni di vita furono «un vero e proprio calvario». Ultime battute al processo per la morte del giovane geometra romano. Ieri ha preso la parola l’avvocato Fabio Anselmo e il legale della famiglia Cucchi ha duramente attaccato la tesi dei pubblici ministero Vincenzo Barba e Francesca Loy, convinti che la responsabilità della morte di Stefano – avvenuta nel reparto di medicina protetta dell’ospedale Sandro Pertini una settimana dopo essere stato arrestato per droga – sarebbe da attribuire al personale sanitario più che agli agenti penitenziari (per tutti gli imputati è stata chiesta una condanna a pene che variano dai 6 anni e 8 mesi ai 2 anni). Secondo l’accusa, infatti, Stefano fu sì pestato nelle celle di sicurezza del tribunale, dove si trovava per l’udienza di convalida del suo arresto, ma dopo il ricovero sarebbe stato «abbandonato» da medici e infermieri, al punto che la sua morte è stata attribuita da una perizia disposta dalla Corte a inanizione, vale a dire a un decadimento organico dovuto a scarsa alimentazione. Conclusioni che assolverebbero in gran parte gli autori del pestaggio nella cella di sicurezza. «La sindrome di inanizione è uno specchio che nasconde la causa della morte di Stefano Cucchi, non la spiega», ha detto ieri Anselmo. «I periti hanno detto che l’inanizione è la causa della morte – ha proseguito – e poi dicono che è irrilevante stabilire se questa ha determinato una morte cardiaca o cerebrale. Questa è l’arroganza dei periti. Ci sono accuse gravi a carico dei medici e loro non spiegano come è morto alla fine. Questo è un modo per liquidare il processo». 

Non si tratta, però, dell’unica incongruenza. Il legale ha infatti ricordato come siano stati gli stessi periti a sottolineare come la morte per inanizione avvenga i 21 giorni, mentre invece nel caso del giovane geometra sia avvenuta «in cinque giorni e mezzo». «Una perizia così importante – ha proseguito Anselmo – meritava una cura e una precisione diversi. C’è un insufficiente studio delle carte, è piena di affermazioni che sono tanto perentorie quanto scientificamente sbagliate». 
Infine ci sono i traumi sul corpo di Stefano, che per gli esperti nominati dalla Corte sarebbero stati provocati dopo il decesso e nel corso dell’esame autoptico. «Per i periti – ha spiegato il legale della famiglia – non hanno avuto influenza e questo non è possibile». Questo non vuol dire che Stefano fosse innocente. Per il reato commesso «Stefano andava messo in galera, ma non ucciso», ha concluso il legale.



Fonte: http://www.controlacrisi.org/notizia/Altro/2013/4/18/32842-stefano-cucchi-fu-torturato/

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi