Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 19 aprile 2013

Barroso, Van Rompuy e Schulz«Ricetta infame sul piano sociale, ma anche idiota su quello economico», commenta “Contropiano”, «perché se chi lavora guadagna ancora meno, spenderà ancora di meno, e la riduzione dei consumi non può che impattare sulle possibilità delle imprese di vendere quel che producono». Spirale negativa: deflazione. «L’unica cosa seria del documento Ue è la constatazione che le imprese italiane sono troppo piccole (poca economia di scala, quindi inefficienza generale del sistema) e sorpattutto specializzate in prodotti “a bassa intensità di capitale” (se non si investe, non si innova), che sono ormai appannaggio dei paesi emergenti». Le banche italiane, infine, risultano gravate da «uno stock importante di sofferenze creditizie», ovvero prestiti che fanno “fatica” a essere restituiti. E come compensano questa “sofferenza”? «Aumentando i tassi di interesse sui nuovi prestiti, in modo da guadagnare di più su ogni singolo prestito. Ma così facendo restringono l’accesso al credito proprio per le imprese che più ne hanno necessità». Quindi entrano in crisi anche le banche, che reagiscono aumentando il costo del denaro in una situazione recessiva, contribuendo così ad aggravare la recessione.

crisiTorna a farsi sentire la frusta della Troika, preoccupata per l’inconsistenza provinciale della politica italiana ancora in stallo, ma i poteri forti sanno di poter contare sul loro uomo: Mario Monti. Che, «con la sua squadretta di demolitori», ha appena partorito il Def, documento di economia e finanza, primo passo dell’iter della “legge di stabilità”, erede della vecchia “finanziaria”. Obiettivo di Bruxelles: fare pressione per condizionare l’assetto del paese, gli orientamenti della spesa pubblica, i rapporti tra imprese e lavoro, il carico fiscale. «La Commissione Europea – scrive il blog “Contropiano” – ha “riscoperto” che l’Italia presenta molte “debolezze”: perdita di competitività dell’economia, forte indebitamento dello Stato, fragilità del settore bancario». Il tutto è contenuto in un rapporto sugli squilibri macroeconomici nell’Unione, che contiene anche un giudizio negativo sulle possibilità di evoluzione della situazione.

Viene visto infatti come «consistente» il rischio di un «potenziale contagio economico e finanziario» che parta dall’Italia e si diffonda a tutta l’Eurozona. «Siamo peraltro in buona e numerosa compagnia: i paesi con “squilibri seri” sono, secondo la Ue, Belgio, Bulgaria, Danimarca, Francia, Malta, Ungheria, Olanda, Finlandia, Svezia e Regno Unito», mentre altri due, Spagna e Slovenia, ne hanno di “eccessivi”. Silenzio assoluto, invece, sulla Germania, che ha un elevato surplus delle partite correnti, «ovvero è il paese che sta guadagnando sull’arretramento altrui», cioè di quasi tutti gli altri paesi. Non basta. «Nonostante siano state adottate nell’ultimo anno misure importanti per risolvere questi squilibri, la loro piena adozione rimane una sfida», sostiene Bruxelles. «Vi è ancora margine per introdurre ulteriori misure in alcuni campi». Nel frattempo, «il perdurare della crisi ha indebolito l’abilità del settore bancario italiano di sostenere il necessario aggiustamento economico». Probabilmente sarà necessario «salvare qualche banca», magari mettendo mano ai conti correnti, come a Cipro.
MontiDal 2008, aggiunge “Contropiano”, il Pil italiano ha perso oltre il 7%, mentre soltanto la Germania e pochi altri paesi sono tornati ai livelli pre-crisi. Ma naturalmente «una importante fonte di vulnerabilità» viene individuata nel debito pubblico, non nella scarsa capacità del sistema bancario di sostenere le attività produttive. E quindi una delle raccomandazioni principali resta la riduzione del debito statale: «Il che – come sanno anche gli asini – contribuisce seriamente alla riduzione del Pil e del benessere generale dei cittadini, e quindi va in senso contrario alla “crescita”». E non è finita. «Siccome l’aumento stagnante della produttività non si è riflesso pienamente nelle dinamiche salariali, la competitività dei costi dell’Italia si è deteriorata, come dimostrato dall’incremento dei costi unitari del lavoro in rapporto ai vicini europei». In pratica, dice la Commissione Ue, avete una produttività che fa pena (tradotto: avete imprese che fanno pochi investimenti fissi, ma puntano soprattutto sullo sfruttamento intensivo del lavoro vivo), e quindi avreste dovuto per prima cosa tagliare i salari.
L’elenco delle indicazioni prescrittive per l’Italia, sommariamente definito dalla Commissione, è un ricettario di “sacrifici” che possono solo ammazzare un ammalato di denutrizione: «Rafforzare la concorrenza nei mercati dei prodotti e dei servizi, adottare un sistema fiscale più semplice, riformare la pubblica amministrazione, decentralizzare ulteriormente le contrattazioni salariali, rafforzare il sistema bancario». Soltanto la semplificazione del sistema fiscale potrebbe figurare tra le misure “intelligenti”; ma se si va a guardare in dettaglio si scopre che si tratta di una rimodulazione della pressione fiscale a totale vantaggio delle imprese e quindi, complessivamente, in un aumento della pressione fiscale sul lavoro, magari mascherata col passaggio dall’imposizione diretta – sul reddito – all’imposizione indiretta, tramite aumento dell’Iva sulle merci e quindi sui consumi.
Vittorio Grilli«Di tutta questa impostazione – scrive “Contropiano” – Monti è da un anno e mezzo l’esecutore testamentario: e sta limando i testi relativi sia al nuovo “piano di stabilità” che al nuovo “piano nazionale delle riforme”, che vanno entrambi presentati entro la fine del mese». Nel Documento di economia e finanza 2013 appena varato dal consiglio dei ministri, le previsioni «sono come sempre abbastanza “ottimistiche”, ma egualmente tragiche: il debito pubblico salirà al 130,4% sul Pil, per “scendere” al 129,0% l’anno successivo e al 125,5% nel 2015. Il deficit scenderà invece al 2,9% quest’anno per arrivare all’1,8% nel 2014 e all’1,5% nel 2015». Per Francia e Germania, al contrario, l’Unione Europea «ha chiuso entrambi gli occhi davanti a cifre assai superiori». Il solo gettito Imu dovrebbe garantire entrate da 23,8 miliardi l’anno, anche per il 2014. Secondo il ministro Grilli, «solo se l’Imu sarà confermata anche dopo il 2014 potrà essere garantito il pareggio di bilancio».
In compenso, il raffreddamento dello spread dovrebbe far risparmiare 7,7 miliardi in spesa per interessi, che comunque rappresenterà il 5,3% del Pil quest’anno, crescendo rapidamente negli anni successivi. La spesa pubblica totale crescerà dunque dello 0,4%, raggiungendo il 51,1% del Pil, nonostante i tagli abnormi già realizzati e gli altri in cantiere. «Sprofonda quindi la spesa per investimenti fissi, mentre la spending review promette circa 30 miliardi di risparmi nel triennio 2012-2015». Il “Piano nazionale di riforma”, invece, promette lacrime e sangue in misura crescente. Senza contare la “semplificazione del sistema fiscale”, la continua “revisione della spesa” richiesta dai trattati europei, dal Fiscal Compact in giù, è prevista un’accelerazione sulle dismissioni del patrimonio immobiliare pubblico, clamorosa «svendita in favore dei palazzinari», mentre «non mancheranno misure tese a “rafforzare il decentramento della negoziazione salariale”, abolendo il già molto precario “contratto nazionale di categoria”». Strategia chiarissima, avverte “Contropiano”: «Che poveri e lavoratori si fottano, il loro reddito serve al “sistema”. Se non ci ribelliamo, se lo prenderanno per intero».

Fonte: http://www.libreidee.org/2013/04/italia-ancora-piu-rigore-bruxelles-ordina-monti-esegue/

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi