*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 18 marzo 2013

Paolo Ferrero: "L'Italia ha perso la sua sovranità monetaria".

L'esponente di Rifondazione Comunista Paolo Ferrero parla di sovranità monetaria:


Paolo FerreroIl governo Cipriota ha bloccato anche domani i Conti Correnti bancari per impedire il ritiro di denaro al fine di poter tassare gli stessi. Si tratta di un atto delinquenziale che esprime fino in fondo la politica dell'UE: durissima con i cittadini al fine di fargli pagare i costi della speculazione finanziaria che guadagna sui debiti pubblici. L'unica strada è la ripresa della sovranità monetaria da parte dei diversi paesi, cioè che il debito sia gestito dalle banche centrali e non dal mercato. Occorre cioè obbligare la BCE e la Banca d'Italia a partecipare direttamente all'acquisto di titoli di stato sul mercato primario. A scanso di equivoci, l'Italia ha perso la sua sovranità monetaria molto prima dell'entrata in vigore dell'euro, perché sin dal 1981 la Banca d'Italia è indipendente dal governo e non acquista più titoli di stato sul mercato primario. Questo è il punto principale su cui battersi perché se si uscisse dall'euro (posto che nessuno ha mai spiegato come si fa a farlo unilateralmente) senza cambiare il ruolo della Banca centrale, non cambierebbe quasi nulla in termini di sovranità monetaria reale.

Giancarlo MATTA ha detto...

Finalmente, anche i comunisti hanno capito che la "unione europea" e la "moneta unica" sono una colossale frode a danno dei lavoratori. E questo nonostante
-anzi proprio perché- la "u e" sia una creatura marxista. Il vero è che la "unione europea" del XXI Secolo è la metastasi della "unione sovietica" del XX Secolo, e farà la stessa fine.

Nome

Email *

Messaggio *