venerdì 8 marzo 2013

Cinghiali radioattivi, se l'unico politico che chiede spiegazioni è Borghezio

Cinghiali radioattivi a Vercelli, tracce di 'Cesio 137', materiale altamente radioattivo e letale;

Vedi il video di Corriere.it e de Il Fatto Quotidiano (altri risultati di ricerca su Google)

La notizia è molto grave, anche se qualcuno cerca di minimizzarne la portata, riconducendo il fatto alla vicenda di Chernobyl, risalente al lontano 1986.

Auspichiamo che sia fatta chiarezza, i politici ed i partiti dovrebbero mobilitarsi per garantire una seria inchiesta sulla natura del materiale radioattivo, mentre invece - almeno fino ad ora - l'unico politico che si è pronunciato in merito è l'eurodeputato leghista Borghezio, che ha diramato il seguente comunicato stampa:

Nella sua interrogazione, l'On.Borghezio, a seguito delle consistenti tracce di "Cesio 137" trovate nella carne di alcuni cinghiali catturati in Valsesia (Italia - Piemonte) e pericolosissime in caso di consumo carneo da parte dell'uomo, chiede alla Commissione Europea :
"la Commissione europea non intende accertare se tale situazione sia da collegarsi ancora agli eventi di Chernobyl o, piuttosto, da mettersi in collegamento con l'eventuale fuoriuscita di fumi radioattivi data la vicinanza geografica con il Piemonte di centrale atomiche transalpine?"
                                                                                             
 On. Mario Borghezio




Nome

Email *

Messaggio *