Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media giustizia diritti civili ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi scienza forze dell'ordine libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO banche notizie carceri eurocrati immigrazione renzi satira guerra facebook scuola manipolazione mediatica euro grillo bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari poteri forti Russia massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione siria UE debito pubblico finanza ISIS califfo tasse ucraina disoccupazione israele marijuana agricoltura canapa travaglio militari terrorismo banchieri germania mario monti trilaterale geoingegneria obama vaticano Grecia bambini big pharma Traditori al governo? inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano vaccini assad enrico letta PD cancro tecnologia armi equitalia nwo Angela Merkel cannabis informatitalia.blogspot.it ministero della salute sondaggio BCE austerity suicidi umberto veronesi meritocrazia nucleare video eurogendfor fini magdi allam CIA iraq m5s privacy Putin clinica degli orrori sovranità nazionale staminali bancarotta droga marra INPS boston bufala diritti globalizzazione monsanto prodi alimentazione elezioni fondatori del sito iene politica troika 11 settembre evasione matrimoni gay nigel farage pedofilia roma acqua anatocismo fmi fukushima islam nikola tesla società usura draghi fisco francia golpe moneta rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu Unione Europea africa autismo imposimato lega nord nato nsa ricchi storia suicidio terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati bavaglio controinformazione costituzione federico aldrovandi fiscal compact giovanardi giuseppe uva petrolio precariato propaganda rockfeller servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale svendita Cina Fornero borghezio casaleggio corruzione crimea dittatura famiglie fed forconi giustizia sociale goldman sachs india influencer mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio proteste psichiatria rifiuti sanzioni sciopero spagna terra turchia ungheria violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti ebola edward snowden elites false flag frutta inciucio islanda laura boldrini magistratura marine le pen marò no muos no tav nuovo ordine mondiale orban pensioni prelievi forzoso privilegi prostituzione ricerca salvini sindacati taranto università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione contestazione corte europea diritti uomo degrado delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione latte legge elettorale microchip microspia mmt ocse paola musu radioattività riserva aurea risveglio coscienze sardegna scie chimiche sigaretta elettronica sigonella spread stati uniti stefano cucchi telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione controllo mentale corrado passara corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza distrazione di massa dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mare nostrum mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microonde mistero mk ultra multe multinazionali musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi petizione phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia repressione riformiamo le banche rigore saddam sangue satana schiavi scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vietnam vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 6 febbraio 2013

MONTE DEI PASCHI DI SIENA: DA DOVE TUTTO E’ INIZIATO E DOVE TUTTO POTREBBE FINIRE MPS – E’ la banca più antica del mondo ancora in attività. E’ stata fondata nel 1472, come le sue pubblicità e le insegne ricordano ossessivamente. Negli ultimi giorni è tornata sotto i riflettori: è il Monte dei Paschi di Siena. Se ne parla con timore, qualcuno ostenta fiducia, quasi orgoglio nazionale, come se la banca rappresentasse il Paese e un po’ tutti noi italiani. Voi come vi sentireste se il Duomo di Milano o il Colosseo crollassero? 

 IL MALE VIENE DA LONTANO 
Nessuno si interessava invece del fallimento della Lehman Brothers nel lontano 2008. Forse perché gli Stati Uniti sono lontani, oppure perché questi anni di crisi ci stanno facendo capire che le crisi finanziarie hanno conseguenze non solo per gli speculatori e i grandi imprenditori, ma anche per l’ultimo cittadino, in un enorme, complicatissimo, imprevedibile e spietato domino di cause ed effetti che, anzi, finisce per essere spietato soprattutto ai più deboli. Sempre più persone stanno scoprendo cosa è la vera povertà, noi che diamo tutto per scontato. Questo interesse per la vicenda da parte di così tante persone, completamente digiune di studi economici, non è però soddisfatto dai nostri (cosiddetti) media. Né i giornali, né i telegiornali italiani (salvo rare eccezioni) spiegano veramente cosa sta succedendo; si limitano a fare quello che sanno fare meglio: parlare tanto riuscendo a non dare alcuna informazione o, peggio, volendo infondere fiducia ingiustificata. Come un pompiere senza idropompa che urla con il megafono fuori da un edificio in fiamme che è tutto a posto e minacci chiunque si azzardi a diffondere il panico suonando l’allarme antincendio. 



MPS: COSA E’ SUCCESSO?
Cercherò di fare il punto della situazione e spiegarvi brevemente e nel modo più semplice possibile cosa è successo, da dove deriva questa crisi di MPS. Su Twitter spesso mi scrivono persone scettiche che non capiscono da dove venga questa crisi. Loro vedono sempre la stessa banca, lo stesso direttore (anche se hanno la tendenza a cambiarli di continuo), gli stessi dipendenti, la banca (in teoria) continua a fare prestiti. Cosa è cambiato? Come è possibile che una banca che ha sulle spalle oltre mezzo millennio di storia nel giro di pochi mesi d’improvviso sia sull’orlo del fallimento? La questione è un’altra però: il vero pericolo del fallimento di MPS non è per solo per MPS in sé: il suo eventuale fallimento potrebbe essere un detonatore di una crisi bancaria globale e sistemica. Un atomo che scoppiando potrebbe scatenare una reazione a catena non controllabile come una esplosione di un ordigno atomico. Ciò che MPS ha fatto (che giorno per giorno sta venendo a galla, come un cadavere dal fondo di un lago…) e che l’ha portata al collasso (per adesso tamponato e ritardato da continui aiuti di Stato) è qualcosa che MPS ha in comune con tante altre banche, istituzioni finanziarie, Stati (come la Grecia), Enti pubblici, Enti locali e società: la sottoscrizione di contratti derivati. 

COSA SONO I DERIVATI: TIC TAC TIC TAC… 
Il contratto derivato non è altro che un contratto a prestazioni corrispettive che però prevede che l’entità della controprestazione futura sarà legata ad un certo evento, indice, valore, ecc. futuro (da ciò l’aggettivo “derivato”). Per il resto il contenuto è liberamente determinato dalle parti. Io potrei costruire un contratto derivato con cui ricevo oggi 10.000€ e mi impegno a restituire alla mia controparte tra 5 anni 1€ per ogni morto per tumore a Milano, oppure 0€ se pioverà per più di 200 giorni l’anno o 45000€ se pioverà per più giorni, o magari 20€ per ogni giorno di pioggia… Flessibilità assoluta che porta ad una totale imprevedibilità dei rischi che la controparte si assume. Per questo si dice a volte che i contratti derivati sono “scommesse”. Essi in realtà sono nati con funzione opposta di copertura di rischio, per cui ad esempio se io sono possiedo una compagnia aerea che deve acquistare carburante per aerei e voglio coprirmi dal rischio di fluttuazioni del prezzo del petrolio, con i contratti derivati posso farlo con modico prezzo, comprando derivati con sottostante pari al carburante che dovrò acquistare, stabilendo oggi il prezzo che pagherò in futuro (questi derivati si chiamano “contratti futures”). Ma l’avidità umana e un sistema finanziario bulimico, a partire dagli anni ’80 del secolo scorso, hanno trasformato questi prodotti in sistemi sempre più complessi (progettati da matematici e giovani laureati in finanza) in meccanismi di speculazione e strumenti atti a nascondere la realtà, spostando i rischi fuori dai bilanci, approfittando delle carenze delle leggi. Le grandi banche d’affari assumono ogni anno centinaia di laureati il cui compito di fatto è progettare strumenti finanziari che hanno lo scopo di aggirare in modo (semi) legale le normative fiscali, di vigilanza e di redazione dei bilanci in vigore nel paese, magari sfruttando anche società estere. Lo chiamano “arbitraggio normativo”. Recentemente si è scoperto che quasi tutte le banche avrebbero frodato il fisco italiano per miliardi di euro con strumenti finanziari articolati. Solo per citarne una, Unicredit è indagata dalla magistratura italiana (caso Brontos) e da polizia criminale federale tedesca per una evasione fiscale di miliardi di euro, proprio nel periodo 2006-2008 in cui amministratore delegato era Alessandro Profumo, ora amministratore delegato di MPS. Tornando alla teoria, dal punto di vista formale, il contratto derivato è pieno di complicatissime formule matematiche. Queste sono spesso un meccanismo per rendere il contratto del tutto incomprensibile alla stragrande maggioranza delle persone (salvo pochissimi matematici, esperti di derivati, ingegneri gestionali, ecc.). Una specie di “codice segreto” in realtà. Chi lo firma, deve accontentarsi di una spiegazione a voce di fatto. 

MPS, FATTI E FATTACCI 
In questi giorni è stato scoperto che a dicembre 2008, il MPS sottoscrisse con la Deutsche Bank un contratto derivato (chiamato profeticamente “Progetto Santorini”) che aveva lo scopo di nascondere le grandi perdite di bilancio che la banca ebbe quell’anno. I giornalisti di Bloomberg hanno dovuto interpellare ben 6 esperti di derivati solo capire i punti principali del contratto. Ma si sa, quelli sono giornalisti finanziari veri, non come la stragrande maggioranza dei nostri (ad eccezione di Dragoni e pochissimi altri). Esso prevedeva che Deutsche Bank prestasse a MPS oltre 1,5 miliardi di € con i quali MPS coprì la sua perdita di 367 milioni di € per un precedente contratto derivato sempre con DB. Non apparve nulla a bilancio e anzi il management fece vedere che MPS non era stata toccata dalla crisi… L’italianità che resiste alla crisi… Il Made in Italy che trionfa… Ma nulla viene dato per nulla: MPS a fronte di quei soldi a prestito accettava una scommessa che aveva come sottostante il valore dell’enorme mole di titoli di Stato italiani che essa detiene (oltre 24 miliardi di €). Neanche a dirlo, MPS ha perso la scommessa. Ed ecco che è dovuto intervenire ripetutamente lo Stato italiano, con varie tranches di prestiti, per un totale (al momento) di circa 3,9 miliardi di €. Nei nostri telegiornali li chiamano “prestiti”, ma sono a tutti gli effetti “aiuti di Stato” (la Commissione europea si riferisce ad essi con il termine “bailouts”) senza i quali MPS sarebbe probabilmente già fallita da tempo. Quello che si dice negli ambienti finanziari è che, seppure gli aiuti di Stato non sarebbero giusti nel caso specifico il danno sociale (adesso questi finti liberisti usano questa parola taboo di cui non sanno neppure il significato, confondendola con “socialismo”, “comunismo” o cose così) sarebbe maggiore del valore degli aiuti stessi. E non tanto per il fatto che MPS è una grande banca, ma per il rischio contagio che potrebbe portare il suo fallimento. Ma lo Stato non è onnipotente, e la sua grande potenza di fuoco potrebbe non essere sufficiente. Non per tutte le banche. Soprattutto con il debito pubblico alle stelle e una economia reale sempre più in deterioramento. Tutto è reso più inquietante dalla totale opacità delle notizie, dei dati contabili veri, dei rischi. Per cui, seppure sono soldi nostri quelli che usati per salvare la banca (e implicitamente i suoi dirigenti che hanno percepito stipendi e “premi” milionari pur facendo queste cose) a noi non è data sapere la verità, se non dalla stampa estera, che sta conducendo vere inchieste. L’altro ieri è stata scoperta una altra operazione analoga in contratti derivati (chiamata “Alexandria”) effettuata da MPS, questa volta con la banca Nomura. Le caratteristiche del contratto sono ignote, ma si stima abbia già portato alla banca una perdita di 220 milioni di €. Mentre il Sole 24 Ore o TG1 Economia sono impegnati a intervistare i pochi dipendenti MPS rimasti con il sorriso forzato e i suoi brillanti manager come Alessandro Profumo, incensato anche dalla Annunziata che gli chiedeva (a lui!) come possiamo uscire dalla crisi, un organo giornalistico serio come Reuters stima che le perdite che MPS ha avuto da contratti derivati (per quel poco che si sa) ammontano ad un minimo 720 milioni di €, portando le perdite complessive per quest’anno a 2 miliardi di €! I mercati si sono svegliati e per un momento hanno smesso di credere all’ottimismo forzato dei due Super Mario (Monti e Draghi) e di tutto l’apparato (dis)informativo al loro seguito. Gli operatori hanno messo il muto alla TV, posato (spero nel cestino) il giornale rosa (non quello serio che è La Gazzetta dello Sport, l’altro…) e hanno cominciato a usare un po’ il loro cervello… Il prezzo del titolo è crollato. 

EFFETTO DOMINO 
La domanda che sorge spontanea infatti è: E’ finita qui? Quanti altri contratti derivati ci sono? Come sono strutturati? Se ci hanno ingannato una volta (non facendoli risultare a bilancio) non possono farlo ancora? E, soprattutto, la più inquietante delle domande: ma siamo sicuri che solo MPS ha operato con simili modalità? Nel caso MPS, i derivati in questione avevano una sola funzione: fare in modo che dal bilancio di esercizio della società non risultassero le sue perdite. Ma il problema dei contratti derivati è che in molti casi (dipende come sono progettati) possono portare a perdite potenzialmente infinite o comunque non prevedibili in nessun modo ex ante. Ovviamente è un problema comunissimo, questo tipo di contratti sono stati sottoscritti anche da numerosissimi enti pubblici e Comuni, alcuni Stati come la Grecia e da tantissime banche, creando una rete di rischi reciproci non solo pericolosissima per la sua portata (esposizioni di migliaia di miliardi di €) ma anche del tutto opaca, non calcolabile con certezza e completamente fuori dai bilanci che diventano così del tutto inutili. Alcuni giornali (in Italia, per quanto mi risulta, solo Il Fatto e Panorama) stanno anche indagando sul passato recente di MPS e in particolare su acquisizioni di altre banche fatte da MPS in anni passati, a prezzi svariate volte superiori al loro reale valore (facendo felici, con i soldi della banca, tanti potenti). 

FUORI CONTROLLO
 Altra questione esplosiva è quella sulla (mancata) vigilanza. A parte il patetico e grottesco scaricabile tra i dirigenti ed ex dirigenti MPS, nessuno dei quali sapeva nulla di queste operazioni (finirà che condanneranno per queste operazioni qualche addetto alle pulizie…) le responsabilità vanno oltre la banca. E’ infatti la Banca d’Italia che deve vigilare sull’operato delle banche. Come è possibile che queste operazioni enormi siano passate inosservate (quando tra un po’ al comune cittadino chiedono il codice fiscale e inviano una segnalazione alla Banca d’Italia anche se paga un caffè in contanti)? Ricordiamo che a quel tempo governatore della Banca d’Italia era il tanto osannato Mario Draghi, ora governatore della Banca Centrale Europea. Cosa accadrà se gli obbligazionisti di MPS (che in molti casi sono i suoi correntisti a cui hanno appioppato obbligazioni) decidessero di intraprendere azioni legali anche verso loro? E cosa accadrà se si comincia a spulciare fra le carte e controllare seriamente sotto il tappeto delle altre banche? di Alessandro Rosanio


Fonte: newspedia.it - Tratto: terrarealtime.blogspot.it


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi