Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
domenica 20 gennaio 2013

Lo scandalo alla Bbc Stupri e coperture per cinquant'anni - 450 le vittime, dagli 8 ai 47 anni

Di Fabio Cavalera

LONDRA — Lo sapevano, eccome, che Jimmy Savile era un pervertito e non l'eccentrica e generosa star della Bbc omaggiata del titolo di baronetto, nonché l'amico simpatico della famiglia reale e di Margaret Thatcher, dei direttori della Bbc, di parlamentari della destra e della sinistra, senza dimenticare gli attori, il bel mondo salottiero e aristocratico, il bel mondo della musica alternativa, pop e rock che gli andavano dietro. Già nel lontano 1955 una ragazzina di 14 anni si era presentata alla polizia di Manchester per raccontare che quel buffo ex minatore albino, magro-magro e coperto di vestiti dai colori sgargianti, aveva tentato di violentarla. E l'ascoltarono? Macché. Chiusero in un cassetto. Come se nulla fosse. E lasciarono correre.

Il Crown Prosecution Office, l'ufficio dell'accusa, ora si cosparge il capo di cenere e chiede scusa ma scoprire a quasi sessant'anni di distanza dalla denuncia battuta a macchina a Manchester che Jimmy Savile, ormai morto, è stato «uno dei più prolifici predatori sessuali della storia britannica» (parole testuali nelle 30 cartelle di rapporto finale delle indagini) ha il sapore dello scandalo e della vergogna. Già, perché il presentatore, dj radiofonico, mattatore del piccolo schermo coccolato della Bbc, osannato per avere raccolto la bellezza di 40 milioni di sterline da devolvere alla organizzazioni no-profit (sua candida e ben studiata copertura), per mezzo secolo ha molestato, irretito, violentato bambine e bambini, adolescenti e adulti: 450 vittime, il più giovane di otto anni, la più matura di 47, la maggioranza fra i 13 e i 16, 214 crimini accertati.

Potevano incastrarlo prima che se ne andasse, evitando di celebrarlo ai funerali, come una delle figure più rappresentative della storia del costume e della radio-televisione britannici. Avevano le prove in tasca ma per negligenza o paura hanno fatto finta di niente. E adesso il pentolone rovescia il suo squallido contenuto di porcherie.
Jimmy Savile, forte della celebrità raggiunta, adescava impunito. Che fosse nei camerini della Bbc, nella sua Rolls Royce, nel caravan pure suo, nelle stanze degli ospedali pediatrici di Londra (al Great Ormond Street) o di Leeds, 13 strutture sanitarie che frequentava e che in alcuni casi gli avevano regalato un appartamentino privato, lui si accaniva come una bestia. In pubblico raccontava di «non avere proprio nulla da nascondere ai milioni di fan» e di essere candido come un fiore, lo cullavano perché dietro quel modo vistoso di presentarsi c'era, sostenevano, un cuore grande così. Mentiva lui, pieno di fobie (conservava i vestiti della mamma quasi fossero reliquie sacre). Mentivano i colleghi di lavoro: che fosse un pervertito era lampante, addirittura lo vedevano. E sono stati zitti. La prima denuncia è del 1955, si diceva. E l'ultima, una donna, del 2009. Gettate nella spazzatura.

Un campionario di orrori. La polizia immobile. Il Crown Prosecution Office in silenzio. Gli amici complici. Gli ospedali compiacenti. E la Bbc, la «zietta» (auntie la chiamano gli inglesi) rossa di vergogna.
I suoi studi di registrazione, dietro le quinte, sono stati set di film a luci rosse e di violenze. Qualcuno aveva adocchiato e riferito ai piani alti. Ma, chissà come, la solfa conclusiva era sempre: «Non vedo, non sento e non parlo». Al punto che nel 2012, quando la trasmissione di approfondimento Newsnight volendo costruire una serie celebrativa di Jimmy Savile e avendone scoperto l'indole deviata, si era autocensurata cancellando il servizio. Per quale motivo? Non è finita qui: dipinto Jimmy Savile per ciò che era, resta aperto il capitolo sul circolo delle persone poco perbene che lo hanno coperto.
Per mezzo secolo e più.
 
Fonte: Corriere della Sera

Tratto da http://notizielibere.myblog.it/archive/2013/01/19/lo-scandalo-alla-bbc-stupri-e-coperture-per-cinquant-anni.html

1 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi stupisce che sia scritto nel Corriere.La massa in genere non e' tenuta al corrente su questi svarioni mediatici atti a (dis)-educare gli ignoranti.
In quanto al sopracitato signore,si potrebbe fargli una visita al cimitero e....

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi