Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

mercoledì 5 dicembre 2012



































Titoli di stato europei Vs Bund tedeschi. La tabella illustra gli "spread" delle nazioni dell'Eurozona: dopo un anno perennemente sopra i 400 punti il dato italiano è in via di diminuzione, ma è ancora elevatissimo: ci costa comunque molti miliardi di euro. Tutti i "PIIGS" (Termine coniato per indicare Portogallo, Italia, Irlanda, Grecia, Spagna) e l'Ungheria sono sotto pressione, ed in particolare il Portogallo, con spread a quota 645: questo significa che sono costretti a pagare un tasso di interesse del 7,5% sui titoli di stato. La tabella non indica la Grecia; e sinceramente non capisco perché. Il paese ellenico è arrivato ad avere uno spread a quattro cifre, che si è tradotto in un tasso di interesse del 15 e persino 18% !!! Non so se è chiaro il meccanismo. La Grecia (o un'altra nazione) emette TITOLI che vengono "presi in custodia" dalle banche, che ricevono liquidità dalla BCE a un tasso dell'1% : le banche prestano questi soldi alle nazioni, ricavando un interesse variabile (in base allo spread) La Grecia è arrivata a dover pagare 15-18 miliardi di euro ogni 100 miliardi di titoli, un meccanismo capace di mandare in bancarotta qualsiasi nazione. I tagli allo stato sociale greco, praticamente azzerato (alcune big pharma hanno interrotto la fornitura di importanti farmaci) e le forti tasse che hanno devastato l'economia e fatto chiudere 1 negozio su 3 sono stati necessari per pagare GLI INTERESSI ALLE BANCHE !!! Una maxi operazione di speculazione sulla PELLE della gente... in Grecia è accaduto in "grande stile" ciò che in Italia è accaduto in tono minore. Con lo spread a quota 500 (tasso superiore 6%) il debito pubblico ci costa - solo di interessi - qualcosa come 100 miliardi all'anno; se fosse lievitato ai livelli della Grecia, avremmo dovuto pagare qualcosa come 300 miliardi di euro all'anno in interessi! Abbiamo assistito ai tagli/tasse necessarie per alimentare lo spread a quota 500... provate ad immaginare cosa sarebbe successo se avesse raggiunto quota 1.500 ....

 E QUESTA SITUAZIONE QUALCUNO SI OSTINA A CHIAMARLA "CRISI" ?!?

QUI LA CRISI C'è: SONO LE BANCHE ED IL SISTEMA ECONOMICO-FINANZIARIO... QUELLA CHE LORO CHIAMANO "CRISI" è UNA TRUFFA STUDIATA A TAVOLINO! 

RECLAMIAMO A GRAN VOCE LA SOVRANITÀ' MONETARIA !!!

Leggi anche: "Le vere cause della crisi e la grande manipolazione globale" - http://www.nocensura.com/2012/11/le-vere-cause-della-crisi-e-la-grande.html


Alessandro Raffa per nocensura.com

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi