Deputati: non bastava maxistipendio, privilegi e vitalizio: anche l'assegno "di reinserimento"


Metà di loro ha il doppio lavoro ma quando non vengono più rieletti, i parlamentari italiani ricevono un "assegno di reinserimento all'attività lavorativa", una specie di liquidazione previdenziale che oggi si chiama "assegno di fine mandato". La prendono tutti, sembra costituzionalmente illegittima ma soprattutto, a differenza del tfr di tutti gli italiani, è esentasse.

Da Report del 2 dicembre 2012 - Di Emilio Casalini.

Commenti

Post popolari in questo blog

DOSSIER: La famiglia più potente del mondo: i ROTHSCHILD

Non si può pensare ai migranti come ad un problema di "degrado" o di spesa!

Incredibile, il neosindaco Raggi contesta i debiti del Comune di Roma!