Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 14 dicembre 2012

Il debito pubblico SUPERA QUOTA 2.000 MILIARDI....
A fine settembre era a quota 1.995 miliardi: in valore assoluto è il più alto di sempre. Stabile lo spread

Nuovo record del debito pubblico italiano a ottobre scorso, quando ha sfondato per la prima volta il tetto di duemila miliardi di euro. È quanto riporta Bankitalia nell’ultima pubblicazione statistica sulla finanza pubblica diffusa questa mattina. Il debito si è attestato in particolare a 2.014.693 milioni di euro. Il differenziale di rendimento tra Btp decennali e Bund tedeschi equivalenti viaggia stabile a 326 punti. Il rendimento del decennale ha un tasso del 4,60%. Stabile anche lo spread Bonos/Bund che si attesta a 404 punti con il rendimento al 5,38%. Le entrate tributarie erariali sono ammontate a 29,6 miliardi a ottobre scorso contro i 22,7 mld del mese precedente. Nei primi dieci mesi del 2012 le entrate si sono attestate a 309,3 miliardi di euro con un aumento del 2,9% sul corrispondente periodo del 2011. 


Tornando al debito, una delle fasi di più forte accumulazione in Italia parte dopo il minimo registrato nel 1963-1964 quando, appunto, l’incidenza del debito riprende a salire rapidamente. Nel 1970 il debito era al 40,5% del Pil, circa un terzo del valore attuale (126,4%). Particolarmente intensa è stata la crescita negli anni ’80 quando il debito è passato dal 58% al 95,2%. Il punto di massimo si raggiunge a metà anni ’90 quando l’incidenza del debito sul prodotto sale al 121,5%. Successivamente, anche in relazione all’adesione all’Unione monetaria europea, si registra una fase di contenimento grazie al processo di progressivo aggiustamento degli squilibri dei conti pubblici.  

Secondo i calcoli del Codacons, in pratica è come se ogni famiglia italiana avesse in media un debito di 82.192 euro, considerando il numero medio di componenti di 2,4 persone. dell’ultimo censimento Istat”. Sulle responsabilità di questo trend al rialzo, si susseguono le dichiarazioni politiche. Per il presidente dell’Idv al Senato Felice Belisario, si tratta della «pesantissima eredità che il Governo Monti lascia agli italiani». Dello stesso avviso Renato Brunetta: «Noi non l’avevamo fatto, non avevamo aumentato la pressione fiscale, questo governo l’ha aumentata. Questa è una delle ragioni di maggiore critica che noi rivolgiamo al governo dei tecnici, cioè quella di aver prodotto una spaventosa recessione». E Roberto Maroni si chiede su Twitter: «Con Monti record del debito pubblico, nonostante l’aumento feroce delle tasse. Ma come si fa a sostenere uno così?».


Fonte: http://www.lastampa.it/2012/12/14/economia/bankitalia-debito-oltre-i-miliardi-9bHphsGZaAqn7S0KN2QlwK/pagina.html



1 commenti:

Anonimo ha detto...

salve, sono confuso, mi hanno insegnato che non bisogna fermarsi per non causare incidenti...

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi