Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 19 dicembre 2012
Di Eugenio Capogrossi per danilocampanella.it


Oggi alcune fazioni politiche ricordano che il denaro costa troppo, perché non lo produciamo noi, ma la banca centrale Europea. Il cosiddetto “signoraggio” è proprio questo: pagare un privato per usare qualcosa di pubblico: il denaro. In tal modo il cittadino diventa, da creditore, a debitore delle Banche, da Socio dello Stato a prigioniero dello Stato-banca. Ci sono stati tre precedenti nella storia di politici che hanno tentato di togliere la moneta alle banche per ridarla al popolo: Lincoln, Kennedy e Moro. Il nostrano Aldo Moro, rapito e ucciso dalle Brigate Rosse. O da coloro che si dichiaravano tali. Recuperando  l’idea di Aldo Moro di emettere biglietti di Stato a corso legale, senza necessità di chiedere banconote in prestito via Bankitalia-Bce, potremmo assolvere i vari bisogni del popolo italiano.
I governi dello statista pugliese DC  finanziarono le spese statali, per circa 500 miliardi di lire degli anni ‘60 e ‘70, attraverso l’emissione di cartamoneta da 500 lire “biglietto di stato a corso legale” (emissioni “Aretusa” e “Mercurio”). La prima emissione fu normata con i DPR 20-06-1966 e 20-10-1967 del presidente Giuseppe Saragat per le 500 lire cartacee biglietto di Stato serie Aretusa, (Legge 31-05-1966). La seconda emissione, invece,  fu regolata con il DPR 14-02-1974, del Presidente Giovanni Leone per le 500 lire cartacee biglietto di stato serie Mercurio, i cosiddetti DM 2 aprile 1979.

Fu il Presidente della Repubblica Giovanni Leone a firmare l’ultimo DPR con cui si emettevano le 500 lire, e sia lui che Aldo  Moro non ebbero fortuna politica. Una testimonianza accademica ce la pone Danilo Campanella, studioso di filosofia ed etica politica e specializzato da anni sul pensiero “moroteo”. Non è forse vero che Aldo Moro volle riportare la moneta ad essere Sovrana? “Vi fu, in effetti, un progetto di risoluzione, che venne ritirato subito dopo” ci conferma Campanella “poiché Moro era attentissimo ai problemi del Popolo, che vedeva come problemi di tutti. Tuttavia asserire che le Brigate Rosse, non sarebbero state tali, ma strumento dei poteri forti, e  lo avrebbero rapito, per impedire un progetto monetario statale, sarebbe una forzatura”.
Quello che ci fa specie, è che ora come ora, siano proprio i berlusconiani a sostenere un ritorno alla moneta di Stato (non alla Lira, si intende) mentre PD e UDC sembrano ignorare i problemi della gente…



Vedi anche: Marra con Sgarbi da Columbro: "Moro e Kenndy uccisi perché contro il signoraggio"

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Io ho sempre sostenuto che le BR (sempre se veramente BR) fecero un "autogol" uccidendo l'on. Moro
Luc

galarico ha detto...

Aldo Moro visto da Andreotti
http://www.homolaicus.com/politica/andreotti.htm

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi