Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 20 novembre 2012

A Parigi, nel corso delle proteste dei gruppi radicali omofobi, le femministe hanno contromanifestato con pacifiche provocazioni. Ricevendo in cambio calci e pugni.
Di Belinda Malaspina

Con la loro consueta messaggistica, le Femen hanno partecipato alle manifestazioni che si sono svolte lo scorso weekend in tutta la Francia contro il matrimonio omosessuale. Hanno partecipato, com'è ovvio, a modo loro. Cioè con le scritte sul torace nudo che accompagnano sempre le loro proteste.
Quando le Femen hanno esordito, sembravano una compagine di top model ucraine, bionde, belle e snelle come Barbie caucasiche, desiderose più di mostrare le loro sode tette che di protestare veramente contro ciò che merita le proteste. Come associare tutto ciò al femminismo e ai diritti? Ma piano piano, prima con la croce abbattuta a seno nudo, motosega alla mano, poi con il recente trasferimento a Parigi dove hanno aperto un centro femminista, le attiviste dai capezzoli al vento si sono riscattate. Tanto che cominciano a dare fastidio sul serio.
Le ultime manifestazioni organizzate da associazioni cattoliche, come l'istituto Civitas, contrarie all'estensione dei diritti per tutti, hanno visto degenerare gli intenti. I quali già in partenza non erano dei migliori: una protesta contro i diritti altrui, dall'alto della propria posizione privilegiata di buoni cristiani felici e fortunati, dotati della imprescindibile famiglia, non può che negare quel principio evangelico che invece dovrebbe essere tenacemente praticato da quanti hanno preso parte alle proteste, secondo il quale occorre amare il prossimo niente meno che come se stessi. Se non per un auspicabile dovere civico o per rispondere alla propria coscienza di persone umane in mezzo ad altre persone altrettanto umane, i manifestanti dovrebbero quantomeno praticare i principi teologici che hanno animato il loro scendere in piazza. Ma tant'è: nello spazio tra il messaggio di universale fratellanza di Gesù e gli slogan dei suoi seguaci contemporanei, è entrata la violenza. Quella che ha visto le Femen, scomode ospiti non volute della manifestazione antigay, picchiate e spintonate dagli attivisti cattolici.

«Una decina di militanti di Femen», ha raccontato Caroline Fourest, giornalista presente alla manifestazione, «avevano deciso di inscenare una protesta pacifica e ironica, ma quando sono andate verso i manifestanti degli individui le hanno inseguite, erano scatenati. Le ragazze hanno preso botte e colpi in tutte le parti del corpo». Già, il corpo. Il corpo del reato, il mezzobusto femminile nudo tipico delle Femen, faceva stavolta da cassa di risonanza a scritte del tipo «al diavolo la religione», «crediamo nei gay», «occupati del tuo didietro». Quello che deve aver dato molto fastidio, tuttavia, probabilmente è stato il velo da suora che le Femen hanno indossato alla manifestazione. Scritte provocatorie, seno nudo e testa devotamente velata: un'ironia sufficiente per scatenare l'aggressione nei confronti dello scettico o, come in questo caso, della scettica. Perché è proprio la rabbia che suscita una donna seminuda vestita da suora, nell'associazione estremamente provocatoria tra sesso e santità, a spingere gli integralisti religiosi alla violenza: l'unico modo per affermare un'idea sbagliata. 




Fonte: http://cronachelaiche.globalist.it/Detail_News_Display?ID=41472&typeb=0&La-ferocia-dei-cattolici-si-abbatte-sulle-Femen

0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi