Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 9 ottobre 2012

di Angela Geraci

Dopo una lunga battaglia legale arriva la sentenza: Wayne Watson ha diritto al maxi risarcimento. Ha contratto la bronchiolite obliterante a causa del mais per microonde

Wayne Watson oggi ha 59 anni e ha vinto una grande battaglia. Quella contro l’azienda che produce i popcorn per microonde che lui ha mangiato per anni, inconsapevole del fatto che lentamente si stesse avvelenando. Con la stessa guerra legale ha trascinato in tribunale anche la catena di negozi da cui comprava il mais, la Kroger. Mercoledì, quando in Italia era notte fonda, i giudici di un tribunale federale del Colorado gli hanno dato ragione: la ditta e il rivenditore devono risarcire Wayne con 7,2 milioni di dollari (circa 5,5 milioni di euro). Entrambi sono colpevoli di non aver informato correttamente i consumatori dei rischi che correvano mangiando quei popcorn da mettere nei microonde. Wayne adesso soffre di bronchiolite obliterante, una malattia cronica e irreversibile che rende difficile la respirazione. È stata causata da un ingrediente contenuto in quel mais scoppiato che ha consumato a lungo: il diacetile.



IL PROFUMO DEL BURRO - A Watson la malattia è stata diagnosticata nel 2007 al Denver’s National Jewish Health, un centro specializzato nelle malattie respiratorie. Da anni, ogni giorno, l’uomo inalava il profumo di burro artificiale dei suoi amati popcorn. Il diacetile, infatti, è un ingrediente naturale che serve proprio a dare il sapore e il profumo del burro ai chicchi di mais da mettere in forno. A capire il collegamento tra la malattia e i popcorn è stata la dottoressa Cecile Rose: a lungo consulente per l’industria degli aromi naturali, aveva riscontrato la bronchiolite obliterante nei lavoratori esposti alla stessa sostanza. Non a caso la patologia è conosciuta anche come «malattia dei lavoratori del popcorn» e colpisce molti operai degli stabilimenti alimentari, che passano ore a contatto con additivi e sostanze chimiche.

RICORSI ANNUNCIATI - I giudici - dopo 24 ore in camera di consiglio e nove giorni di processo - hanno stabilito che a pagare l’80% del risarcimento sia l’azienda produttrice; il restante 20% è invece a carico della catena di negozi che vendeva il prodotto. Tutte e due le società hanno immediatamente fatto sapere che faranno ricorso contro la decisione della Corte. Ma il verdetto sul caso di Wayne è un passo importante che potrebbe sbloccare altre cause simili ancora pendenti in Iowa e nello stato di New York.



fonte: http://www.corriere.it/salute/12_settembre_20/risarcimento_popcorn_255c5780-02d9-11e2-a615-3f0c0f40ef8a.shtml


1 commenti:

Alpha Canis Majoris ha detto...

Certo che se la gente imparasse a mangiare in modo sano invece di ingurgitare ogni puttanata preconfezionata, precotta e artificiale prodotta e sbattuta sul mercato, forse ci sarebbero meno persone costrette a ricorrere ai tribunali... possibile non ci sia un filtro mentale che permettere di discernere il naturale dall'artificiale?, il chimico dal salubre, il colorato/profumatissimo/accattivante dal semplice/fresco/naturale?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi