Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

giovedì 11 ottobre 2012
La vergogna della Diaz è legge


La lettura delle motivazioni della sentenza della Corte di Cassazione sul caso Diaz è esplosiva. I magistrati hanno riconosciuto come l’aggressione della polizia ai manifestanti inermi del G8 sia stato uno degli episodi più tetri e vergognosi della recente storia repubblicana.

La Corte ha rimarcato come  le violenze della polizia e gli immotivati arresti di massa dei no-global inerti e innocenti, hanno “gettato discredito sulla Nazione agli occhi del mondo intero”. Le forze dell’ordine hanno avuto una condotta da paese incivile, un vero e proprio “massacro cileno” come la Cassazione stessa ha riconosciuto. “L’assoluta gravità – si legge nella sentenza numero 38085 – sta nel fatto che le violenze, generalizzate in tutti gli ambienti della scuola, si sono scatenate contro persone all’evidenza inermi, alcune dormienti, altre già in atteggiamento di sottomissione con le mani alzate e, spesso, con la loro posizione seduta in manifesta attesa di disposizioni, così da potersi dire che s’era trattato di violenza non giustificata e punitiva, vendicativa e diretta all’umiliazione e alla sofferenza fisica e mentale delle vittime»



I magistrati hanno redatto una sentenza dal contenuto esplosivo, una condanna delle forze dell’ordine che però ha trovato riscontri  poco coerenti nella somministrazione delle pene. “Tutta l’operazione si è caratterizzata per il sistematico e ingiustificato uso della forza da parte di tutti gli operatori che hanno fatto irruzione nella scuola Diaz e la mancata indicazione, per via gerarchica (da Canterini a Fournier e da questi ai capi squadra, fino agli operatori), di ordini cui attenersi”.

La Cassazione ha dunque stabilito in ultima istanza ciò che era apparso fin chiaro dall’inizio. La vergogna della casa Diaz non è stata punita con la necessaria durezza, ed è difficile dire che giustizia sia stata fatta, ma almeno è stata affermata la verità su quella notte di follia sudamericana. E appare ancora più intollerabile la timidezza delle tante forze politiche, anche progressiste, che si sono sempre opposte ad una commissione di inchiesta parlamentare su quei fatti indegni di un paese civile.



fonte: giornalettismo.com


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi