Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
sabato 27 ottobre 2012

Sta per concludersi il processo per la morte di Francesco Mastrogiovanni, il maestro 53enne di Vallo della Lucania, morto il 4 agosto 2009 nel reparto psichiatrico dell'ospedale "San Luca" dopo essere stato legato al letto per 82 ore. Il 30 ottobre è calendarizzata la data della sentenza che - salvo rinvii - dovrà decidere della sorte giudiziaria dei 6 medici e dei 12 infermieri imputati nel procedimento.
In questi giorni la nipote Grazia Serra che insieme al Comitato "Verità e Giustizia per Francesco" si batte da quattro anni ha convocato una conferenza stampa per presentare il video integrale dell'agonia di Mastrogiovanni. Un documento choc terribile (guarda). 

Si vede il maestro, trasportato in ospedale per un Tso, inizialmente molto tranquillo, tanto da farsi fare una iniezione di medicinali. Dopo aver mangiato si addormenta. E durante il sonno viene legato mani e piedi al letto. Seguono 82 ore terribili. L'uomo prima sta calmo. Poi cerca di dimenarsi per liberarsi. Nessuno lo soccorre. Nessuno lo nutre. Nessuno gli dà da bere. Gli infermeiri entrano in stanza senza fare assolutamente nulla, se non ad un certo punto mettergli il pannolone. E' una tortura. Morirà la notte del 4 agosto, alle 2, ma i medici se ne accorgono solo alle 5. L'autopsia ha certificato che l'uomo è decedeuto per un edema polmonare, dovuto alla contenzione.



fonte: http://isegretidellacasta.blogspot.it/2012/10/video-legato-mani-e-piedi-al-letto.html


3 commenti:

Anonimo ha detto...

sono dei mostri e la devono pagare!!!!

Anonimo ha detto...

con la nostra sanita' non c'e' molto da meravigliarsi

ferdinando ha detto...

Non e' possibile che si verifichi cio' in un paese, che si ritiene ""civile"". sono in lacrime!!!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi