Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 7 ottobre 2012

La polizia antisommossa dispiegata in Grecia e Spagna per reprimere le proteste è un assaggio sconcertante della politica UE nei prossimi mesi, a meno che non venga fermata. L'austerità imposta alla popolazione non solo è mortale, ma anche del tutto inutile. Inutile per ridurre il deficit, ma non se lo scopo è trasformare l'Europa in un impero sovrannazionale totalitario.

Tra l'altro, per quale motivo i governi europei si sono impegnati a ridurre il deficit a non oltre il 3% del Prodotto Interno Lordo? Da dove viene questa cifra sacrosanta del 3%? Contrariamente a quanto pensano molti europei, è antecedente ai criteri di Maastricht e non è stata inventata in Germania, ma in Francia.

Il Presidente francese Hollande e il governo francese hanno annunciato che nella finanziaria del 2013 rispetteranno questo criterio, il che ha indotto il popolare quotidiano Le Parisien ad incontrare colui che escogitò questo rapporto magico la prima volta. Allora, Guy Abeille era un alto funzionario del Ministero delle Finanze, ed ha ammesso candidamente a Le Parisien di aver inventato il rapporto del 3% una sera di fine giugno 1981, e che esso non ha alcuna base nella teoria economica! Tuttavia, ha aggiunto, il Presidente François Mitterrand cercava una "cifra tonda, da ricordare facilmente", e usare per ridurre la spesa dei suoi ministri.



Abeille e i suoi colleghi al ministero considerarono varie misurazioni statistiche da utilizzare e decisero per il deficit (che suona male a tutti) e per il PIL (che definisce la "camicia di forza universale" per gli economisti che non riescono a trovare giusti riferimenti).

Il rapporto stesso è del tutto irrilevante, ha scritto Abeille; equivale a "dividere cavoli per carote", visto che il deficit è un debito contratto ora e pagato negli anni a venire, mentre il PIL viene prodotto in un anno. L'unico criterio rilevante, scrive, è la capacità di restituire il debito quando scade.

E perché scelsero il 3%? Semplice! Perché le previsioni sul PIL del 1982 rispetto al deficit erano che sarebbe stato al di sotto del 3%! "L'unica base furono le circostanze. L'1% sarebbe stato troppo poco, e il 2% ancora restrittivo. E così portarono la formula magica del 3% al ministero, che la inoltrò al governo.

In agosto, il ministro del Bilancio Laurent Fabius parlò per la prima volta in pubblico del rapporto tra deficit e PIL, stabilendolo al 2.6%. Dopo vari resoconti stampa sulla direttiva presidenziale sul 3%, Mitterrand stesso proclamò nel giugno 1982 che il deficit non avrebbe dovuto superare questa cifra magica, del tutto inventata.

Con gli anni divenne un mantra. E infine fu iscritta nel Trattato di Maastricht, il "bebè di Mitterrand".

Dunque le popolazioni vengono saccheggiate senza scrupoli col pretesto di attenersi ad un tasso monetario che non ha alcun senso. La soluzione al deficit sta in un sistema creditizio, come dimostreremo con l'aggiornamento di domani.



fonte: http://www.movisol.org/12news195.htm


1 commenti:

Anonimo ha detto...

il sindacato della polizia greca in passato aveva spiccato un mandato di cattura contro i "signori" strozzini delle lobby di speculatori economici che stanno conquistando l'Europa, per attentato contro la democrazia, ecc.. ma poichè si tratta si tratta di lottare una istituzione al di sopra di ogni potere giuridico, giudiziario,ecc... si sono fatti solo quattro risate ( da bravi massoni mafiosi). quanto prima schiereranno contro li popolo la gendarmeria europea, per evitare eventuali alleanza con le forze di polizia locale.. si avvicina sempre più una guerra in un teatro europeo

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi