Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

martedì 9 ottobre 2012
LA CHIESA CATTOLICA E' STATA INFANGATA PER POCHE MIGLIAIA DI STUPRI COMMESSI AI DANNI DI BAMBINI

di Salvatore Veneruso

“ La Chiesa cattolica è da tempo sotto attacco, accusata di coprire gli episodi   di pedofilia di cui si sono resi colpevoli  dei sacerdoti. I casi finora emersi risalgono nella quasi totalità agli anni 50-70 del secolo scorso, mentre pochissimi sono quelli recenti. 
La campagna ha preso il via alcuni anni fa negli Stati Uniti, dove talune diocesi sono andate in bancarotta per l'entità dei risarcimenti pagati alle vittime degli abusi. Negli ultimi tempi si sono moltiplicati gli attacchi anche al di qua dell'Atlantico, giungendo a prendere di mira presunte indulgenze verso i colpevoli dello stesso Papa. Ogni accusa è stata prontamente ed esaurientemente controbattuta dalla Santa Sede, con puntuale documentazione, a riprova che da parte di Benedetto XVI – come Papa e prima ancora come arcivescovo di Monaco e come prefetto della Congregazione per la Dottrina della fede – mai c'è stata alcuna condiscendenza nei confronti di tali crimini (e peccati) nefandi. Un documento emblematico dell'atteggiamento di Papa Ratzinger è la lettera rivolta ai cattolici irlandesi, la cui Chiesa è tra le più colpite dal fenomeno “ .
Questo è quanto scrive  il giornale dei Vescovi.


Continua a suonare strano e stonato quel termine "pochissimi  casi recenti" , la chiesa ha una concezione del tempo a dir poco maniacale , casi di due anni , di un anno fa o addirittura del mese scorso ,  rispetto all'eternità, a cui si rifanno i mediatori del soprannaturale, sono senz'altro lontanissimi dai loro ricordi . Parlano di secolo scorso dimenticando che il secolo scorso è terminato solo da 12 anni  , infine colgo , senza meravigliarmi , che la Chiesa è molto preoccupata per la bancarotta che ha colpito alcune diocesi per l'entità dei risarcimenti pagati alle vittime degli abusi.  Avete capito bene !  La Chiesa rimpiange i soldi spesi per i risarcimenti , non è certo addolorata per i bambini stuprati .  Il Papa  ha esaurientemente controbattuto con puntuale documentazione le accusa di condiscendenza nei confronti di tali crimini  ( loro li chiamano  peccati ) , si ! Continuano a chiamarli peccati, e in modo particolare con la lettera  scritta ai cattolici irlandesi , ma scusa caro Benedetto vuoi vedere che alla fine scopriamo che  il Crimen sollicitationis  l' ho scritto io e non me ne ricordo ?  Eppure in quella lettera vi è scritto chiaramente che il Vaticano rivendica a sé il controllo di  quelle situazioni e che «tutto ciò che gli importa è contenere e controllare il problema».  Tutto avveniva sotto il controllo diretto del Vaticano e Ratzinger, che è stato ai vertici della Chiesa per la maggior parte degli anni in cui il Crimen Sollicitationis è stato applicato, e che ha elaborato il documento successivo, oggi è Papa.  Non vorrei che alla fine dovremmo chiedere scusa alla Chiesa per averla infangata per poche migliaia di stupri commessi dai suoi preti e vescovi ai danni di tanti bambine e bambini .


fonte: http://apocalisselaica.net/varie/contributi/la-chiesa-cattolica-e-stata-infangata-per-poche-migliaia-di-stupri-commessi-ai-danni-di-bambini


1 commenti:

Carlo Di Somma ha detto...

Grazie, ogni tanto puntualizzare diventa una necessità. se la Chiesa intesa come organizzazione ecclesiale vuole puntualizzare qualcosa chieda in ginocchio scusa alle vittime e quando è il caso con delle sanzioni economiche, e cacci via i colpevoli dal clero. Basta nasconderli nella "periferia del mondo".

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi