Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 2 settembre 2012

TRENTINO, INTERVISTA CHOC DELLA CONTESSA:

POMPEATI: "MA NON VOGLIO FARE DEL MALE AGLI ANIMALI"

Oggi, primo giorno di caccia in Trentino, anche una contessa sparerà agli animali con il suo fucile. E lo farà, dice lei, pensate, "perché la caccia è un atto d'amore, una passione intensissima che nasce tra l'uomo e l'animale e che si appaga solo nel possederlo pienamente e totalmente".
Queste frasi si leggono oggi in un'intervista rilasciata al direttore del giornale l'Adige. La nobile Maria Luisa Pompeati, della stirpe dei von Ferrari Kellerhof, poi prova a precisare: "Io sparo soltanto quando sono certa che il mio colpo è mortale, non ho mai ferito gli animali e non voglio far loro del male". La contessa Pompeati racconta il suo passato: "La caccia ce l'ho nel sangue fin da quando era bambina, e sono stata fra le prime cacciatrici donna in Trentino, quando portare il fucile era per eccellenza una 'cosa da maschi'". Tra i suoi macabri "trofei", galli cedroni, galli forcelli, beccacce, pernici bianche, cervi, camosci e caprioli. "Anche quindici capi in una stagione, alcuni li ho imbalsamati e li ammiro tutti i giorni", rivela infine la donna in doppietta. Anche il marito, il conte Francesco Pompeati, avvocato di Trento, è amante della caccia. (
fonte)


Nella foto: Maria Luisa Pompeati con una preda (fonte foto)


1 commenti:

Anonimo ha detto...

Chi sei CCCContessa…non ti conosco ma ti amo anch’io e mi piacerebbe rincorrerti con un sovrapposto in mano e poi, come atto finale d’amore, quando mi guardi con gli occhi sbarrati, perché sai che non hai più scampo, donarti una morte veloce. Un colpo secco perché so che quando prendo la mira e ti sparo non posso sbagliare. Poi ti metterei nel mio modesto salotto a raccoglier polvere e farti parlare col tuo sig conte e intorno tutti gli altri cacciatori che condividono le tue stesse orge. Dimmi una cosa: quando ne hai presi due con tanta felicità e meraviglia perche non te lo aspettavi, come sapevi che uno dei due o tutt’e due non sarebbero rimasti feriti?

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi