Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Contenuti (tag)

varie democrazia leggi lobby casta editoriale governo esteri economia scandali fatti e misfatti salute mass media diritti civili giustizia ambiente USA sanità crisi centrosinistra centrodestra diritti umani povertà sprechi forze dell'ordine scienza libertà censura lavoro cultura animali infanzia berlusconi chiesa centro energia internet mafie europa riceviamo e pubblichiamo giovani OMICIDI DI STATO notizie banche carceri eurocrati satira immigrazione renzi scuola facebook euro grillo guerra manipolazione mediatica bilderberg pensione mondo signoraggio alimentari Russia poteri forti massoneria sovranità monetaria razzismo manifestazione finanza debito pubblico tasse israele siria UE disoccupazione ucraina travaglio agricoltura marijuana militari banchieri mario monti trilaterale califfo canapa germania geoingegneria ISIS terrorismo Grecia bambini obama vaticano Traditori al governo? big pharma inquinamento ogm palestina parentopoli napolitano enrico letta cancro vaccini tecnologia PD nwo armi equitalia Angela Merkel BCE austerity sondaggio umberto veronesi meritocrazia nucleare suicidi fini informatitalia.blogspot.it magdi allam cannabis m5s ministero della salute privacy video assad clinica degli orrori eurogendfor Putin marra sovranità nazionale staminali CIA bancarotta boston bufala droga monsanto prodi INPS elezioni fondatori del sito globalizzazione iene iraq politica troika evasione matrimoni gay nigel farage acqua anatocismo fmi fukushima nikola tesla società usura 11 settembre diritti draghi fisco golpe moneta pedofilia rothschild stamina foundation Aspen Institute FBI Giappone Onu africa alimentazione francia imposimato nsa ricchi terremoto torture Auriti Marco Della Luna adam kadmon aids attentati autismo bavaglio costituzione federico aldrovandi fiscal compact giuseppe uva lega nord nato petrolio roma servizi segreti sicilia slot machine sovranità individuale Cina Fornero Unione Europea borghezio casaleggio controinformazione corruzione crimea famiglie fed forconi giovanardi giustizia sociale goldman sachs influencer islam mario draghi mcdonald mes mossad pecoraro scanio propaganda proteste psichiatria rifiuti rockfeller sciopero spagna storia suicidio svendita terra turchia violenza virus aldo moro arsenico barnard bonino carne chernobyl chico forti dittatura edward snowden elites false flag frutta inciucio india laura boldrini magistratura marine le pen no muos no tav nuovo ordine mondiale precariato prelievi forzoso privilegi prostituzione ungheria università vegan 9 dicembre Ilva Muos NASA Svizzera alan friedman alluvione corte europea diritti uomo delocalizzazione dentisti diffamazione disabili donne ebola educazione elettrosmog esercito europarlamento farmaci gesuiti gheddafi hiv ignazio marino illeciti bancari illuminati informazione islanda latte legge elettorale marò microspia mmt ocse orban paola musu pensioni radioattività ricerca riserva aurea salvini sardegna sigaretta elettronica sigonella sindacati spread stati uniti stefano cucchi taranto telefono cellulare truffe online vegetariani veleni Alzheimer Chomsky Consiglio dei Ministri ETA Enoch Thrive Nichi Vendola PNL aborto aborto forzato affidamento amato anonymous anoressia antonio maria rinaldi argentina armeni arrigo molinari asteroidi baschi bersani bettino craxi bill gates bin laden boicottaggio boldrini brevetto btp by calcio cambiamento camorra carabinieri cervello chemioterapia cipro class action claudio morganti commercio di organi comunicazione contestazione controllo mentale corte dei conti cosmo cravattari crescita crocetta curiosità daniel estulin danilo calvani david icke davide vannoni degrado dell'utri denaro dentista denuncia disastro discriminazione diseguaglianza dogana domenico scilipoti dossier duilio poggiolini ebook egitto eroina etica eurexit fallimento fiat fido finanziaria fisica fisica quantistica follia fondi d'investimento genocidio ghiandola pineale giorgio gori girolamo archinà giuliano amato gold hollande ilaria alpi illiceità bancarie impresentabili indagini infermieri insetti interessi iran istruzione le iene libia lucio chiavegato luna malattie malta maratona mariano ferro mastropasqua meccanica quantistica melanoma messaggi subliminali messico metalli pesanti meteorite microchip microonde mistero mk ultra multe musica natura obbligazioni oligarchi omofobia oppt overdose papa francesco paradisi fiscali parkinson parma partito pirata patrimonio pena di morte pensiero positivo pesticidi phishing pianeti extrasolari piero grasso pizzarotti plastica polonia polverini pomodori portogallo pregiudicati presidente della repubblica prostata pubblica amministrazione quantum r-fid recessione regno di gaia riformiamo le banche rigore risveglio coscienze saddam sangue satana schiavi scie chimiche scippatori scoperto secessione senzatetto sert sfratto sisa snowden spammer speculazione spionaggio studenti tabacco tasso d'interesse teri terra dei fuochi tossicodipendenza trasfusioni trattato di velsen troll trust tsipras turismo twitter universo uranio impoverito uruguay vati verdura vessazioni veterinario bravo roma veterinario gianicolense vulcano wikipedia yellowstone
Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

lunedì 3 settembre 2012
Di seguito vi proponiamo un articolo sugli insetticidi ed i repellenti che utilizziamo comunemente per tenere lontane le zanzare: la pubblicazione risale al 2007, ma è ancora attualissimo. Vi ricordiamo che al posto degli agenti chimici esistono soluzioni naturali e "fai da te" che sono sicuramente anche più economiche. Un'altro metodo testato dalla nostra collaboratrice Francesca Tavanti lo trovate qui
- - - - - -
Spirali, piastrine e lozioni antizanzare
Per difenderci dalle loro punture, ogni estate ci spalmiamo addosso lozioni e bruciamo spirali, piastrine e liquidi vari. Ma quali sono i rischi per la salute? E quali le alternative?

Non sembra anche a voi che di zanzare ce ne siano sempre di più? E non parlo solo delle new entry, come la zanzara tigre, ma anche della zanzara comune. Eppure in ogni città si moltiplicano le campagne di profilassi a base di pesticidi con cui vengono irrorati regolarmente giardini e corsi d'acqua. Ogni anno con la buona stagione, il mercato viene invaso da centinaia di preparati: si va dai prodotti da applicare direttamente sulla pelle, fino alle spirali e alle piastrine da bruciare. In molti casi si tratta di principi attivi già utilizzati in agricoltura, veri e propri pesticidi «formato famiglia», efficaci sì contro le zanzare, ma la cui innocuità per l'uomo non è scontata.
È sufficiente leggere attentamente l'etichetta dei vari formulati per rendersi conto dei rischi potenziali legati al loro impiego. Prendiamo, ad esempio, una delle sostanze maggiormente diffuse nelle spirali e nelle piastrine: la alletrina.
Ebbene per tale principio attivo le schede di sicurezza internazionali riportano le seguenti indicazioni: «Utilizzare respiratore con filtro A/P2 per vapori organici e polveri nocive. Non permettere che questo agente chimico contamini l'ambiente. Raccogliere il liquido fuoriuscito e sversato in contenitori sigillabili il più lontano possibile. Assorbire il liquido restante con sabbia o adsorbente inerte e spostare in un posto sicuro. Non eliminare in fognatura».

 Altrettanto allarmanti sono le avvertenze riportate nelle confezioni di spirali in vendita nei negozi e nei supermercati: «Non contaminare col prodotto cibi o bevande o recipienti destinati a contenerli; se il prodotto viene usato in luoghi dove si soggiorna lungamente o nelle camere da letto è bene aerare il locale prima di soggiornarvi nuovamente. Non è consentito il funzionamento durante la permanenza in ambienti chiusi. È sconsigliata l'esposizione continuata a persone sensibili (bambini, asmatici ecc.). Tenere lontano dai bambini. Non toccare con le mani mentre è in funzione. In caso di contatto con la pelle lavarsi immediatamente e abbondantemente con acqua e sapone. Non tenere la spirale accesa a contatto con tessuti, carta o altri materiali combustibili. Non ingerire. Conservare lontano da alimenti, mangimi e bevande». Peccato che spirali e tavolette vengono utilizzati proprio per «bonificare» i luoghi dove si soggiorna e si passa la notte e quasi sempre con le finestre chiuse, proprio per evitare l'invasione delle zanzare. D'altra parte che senso avrebbe aprire le finestre una volta accesa la spirale?

Una denuncia dall'India Perché tanta precauzione? La risposta è in un recente studio pubblicato in India, dove per particolari condizioni igieniche e climatiche di prodotti antizanzare si fa un grande uso. Secondo quanto pubblicato sulla rivista scientifica Current Science1 esiste una correlazione diretta tra l'uso di prodotti insetto repellenti ed alcune malattie. L'11,8% di soggetti che hanno utilizzato tipi diversi di repellenti, spirali, piastrine, lozioni e vaporizzatori a base di piretroidi (alletrina e similari), Dett (o Dietiltoluammide) o di loro derivati, hanno denunciato disturbi di varia natura come: difficoltà nella respirazione, mal di testa, irritazioni oculari, affanno e asma. Disturbi e irritazioni alle pelle sono stati riscontrati in 20 soggetti su 174 (11,4%) che utilizzavano pomate a base di Deet. In particolare, è stata evidenziata  un'azione specifica dei prodotti a base di piretroidi che causerebbe sui soggetti lungamente esposti un fenomeno di ipereccitazione del sistema nervoso centrale. Altre ricerche hanno evidenziato gravi lesioni a carico di topi esposti al fumo di repellenti per zanzare contenenti alletrina; mentre Liu e altri hanno individuato nel fumo delle spirali antizanzara micropolveri contenenti un livello considerevole di metalli pesanti e una grande varietà di sostanze tossiche come fenolo e O-cresolo. Secondo altri studi sembra che l'alletrina presente in spirali e piatrine sia capace di aumentare la permeabilità della barriera emato-encefalica con gravi rischi per la salute, soprattutto nei bambini. Altri ricercatori, come Diel5, hanno osservato che la D-transalletrina può causare disfunzioni a livello dell'apparato riproduttivo e della crescita e concorrere all'insorgenza di tumori; altre ricerche hanno messo in luce le proprietà immunodepressive della S-bioallethrina.

Non solo spirali A essere messe sotto accusa non sono solo le economiche spirali e piastrine, ma anche le più costose lozioni vendute in farmacia e negozi di profumeria. Oggi il principio attivo più noto e utilizzato è la N,Ndiethyl-m-toluamide, più semplicemente dietiltoluamide o Deet. Si stima che nel mondo siano almeno in 200 milioni ad utilizzarla, ma questo non vuol certo dire che sia del tutto innocua. Il fatto è che la N,Ndiethyl-m-toluamide viene facilmente assorbita dalla pelle e poi immessa nel circolo sanguigno, tant'è che poche ore dopo l'applicazione cutanea si può registrare una concentrazione di tale principi attivo fino a 3 mg per litro di sangue. «Ulteriori rischi possono insorgere» afferma Laura Cavalli, Docente all'Università della Tuscia di Viterbo «dall'interazione tra il Deet e le creme solari, a causa di alcuni ingredienti che accrescono la capacità di assorbimento da parte della pelle».
In effetti, la letteratura riporta numerosi disturbi causati dai prodotti a base di N,N-diethyl-m-toluamide: irritazioni cutanee, desquamazione, edema, corrosione, prurito. Nei soggetti più giovani può colpire il sistema nervoso centrale causando encefalopatie, mal di testa, letargia, disorientamento, convulsioni, tremori, ipotensione, bradicardia; e nei casi più gravi: paralisi, psicosi maniacale acuta, tachipnea (accelerazione del ritmo respiratorio), nausea, vomito, diarrea, disturbi del linguaggio e convulsioni, soprattutto in età pediatrica.

«Particolari precauzioni vanno adottate sui bambini, perché ad alte concentrazioni o con un uso esagerato il Deet non è privo di tossicità» sottolinea Moise Levy, direttore del Servizio di dermatologia pediatrica al Texas Children's Hospital di Houston, Texas. «Proprio a causa dei rischi nell'uso di grandi quantità del Deet negli Usa e in Canada, a partire dal dicembre 2004 il limite massimo di concentrazione del componente nei prodotti per uso topico è stato ridotto al 30%». Per gli stessi motivi l'American Academy of Pediatrics (Usa) raccomanda che gli insetto-repellenti applicati sulla pelle dei bambini non contengano più del 10% di Deet. Insieme al danno, la beffa: la Deet è un potente solvente per molti tipi di plastica e può danneggiare giocattoli, vernici, rifiniture per mobili, cinturini di orologi, sedili dell'auto con cui si può venire a contatto, oggetti che oltretutto rischiano di trasformarsi in «serbatoi» occulti di N,Ndiethyl-m-toluamide a rilascio lento per gli anni a venire. In sostituzione del Deet, sul mercato dagli anni '50, negli ultimi anni sono arrivati gli insettorepellenti di ultima generazione a base di icaridina o picaridina (nota anche come KBR 3023) che oltre a vantare un ottimo effetto repellente sembra presentare anche una migliore tollerabilità cutanea, almeno fino a quando nuove ricerche non ne metteranno in dubbio l'innocuità.

Le alternativeTornando alla domanda iniziale, appare evidente che la causa della crescente proliferazione delle zanzare sia da ricercare in primo luogo nell'alterazione dell'ecosistema e nella sparizione dei predatori naturali, come i pipistrelli, ognuno dei quali può arrivare ad eliminare dalle 500 alle 1000 zanzare l'ora. La rivalutazione dei pipistrelli, iniziata negli Stati Uniti, negli ultimi anni ha preso piede anche in Italia (vedi box), con l'installazione presso edifici pubblici o privati di piccoli ricoveri per facilitare la loro nidificazione. D'altra parte, prima di spruzzarsi addosso lozioni sospette e dare fuoco a piastrine e zampironi sarebbe bene fare di tutto per non contribuire alla proliferazione delle zanzare, eliminando qualsiasi forma di ristagno d'acqua (sottovasi o strutture analoghe) e dotando le finestre di zanzariere, che costituiscono il sistema più ecologico ed efficace di difesa.

Difesa naturalePer quanto riguarda la protezione fuori dalle mura domestiche si può ricorrere ai repellenti di origine naturale. I più noti sono i prodotti a base di oli essenziali di eucalipto, geranio e citronella, ai quali recentemente si è aggiunto il neem (Azadirachta indica); non pare invece che abbia alcuna efficacia l'uso di capsule di aglio.

fonte: Terra Nuova - Luglio/Agosto 2007 



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

Seguici su Facebook

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi