Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
lunedì 10 settembre 2012
Mario Monti
È un lunedì dal punto di vista delle cifre economiche che sicuramente non è iniziato sotto buoni auspici. I freddi numeri diramati periodicamente dall’Istat non lasciano tranquilli. Crolla la spesa delle famiglie nelsecondo trimestre del 2012 con un netto calo del 3,5%. Questo calo così drastico rientra nella diminuzione del 10,1% degli acquisti di beni durevoli, del 3,5% dei beni non durevoli e dell’1,1% degli acquisti di servizi. Dati allarmanti anche sul Pil (prodotto interno lordo) sceso quasi di un punto percentuale rispetto al trimestre precedente e del 2,6% rispetto al secondo trimestre di un anno fa. Vi è poi il crollo dei consumi familiari con un calo di quasi due punti percentuali per settori di attività come l’agricoltura, -1,6% per l’industria e -0,5% per i servizi.

TALIA DIETRO USA, GIAPPONE ED EUROZONA - Con questo valore, stima l’Istat, l’Italia si colloca dietro a tutte le grandi economie del pianeta: il Pil degli Stati Uniti nel secondo trimestre, in termini congiunturali, è aumentato dello 0,4%; in Germania dello 0,3%; è rimasto stazionario in Francia. In Gran Bretagna, invece, è diminuito dello 0,5%. In termini tendenziali, invece, si sono registrati incrementi del 3,6% in Giappone, del 2,3% negli Stati Uniti, dell’1,0% in Germania e dello 0,3% in Francia (nel Regno Unito il Pil è invece diminuito dello 0,5%). Complessivamente l’area Euro ha registrato un calo dello 0,2% rispetto al trimestre precedente e dello 0,5% in confronto allo stesso trimestre del 2011.
Secondo il presidente dell’Istat, Enrico Giovannini, i dati riflettono le incertezze legate all’unione monetaria e al futuro dell’euro. Ciononostante potrebbero migliorare: «nel secondo trimestre la situazione è stata brutta, ma la possibilità di invertire questa tendenza è ancora alla nostra portata».
Monti: “Non ho visto i dati e non li commento”
“Non li ho visti e non sono in grado di commentarli”. Così, a Sarajevo, il presidente del Consiglio, Mario Monti, ha risposto ad una domanda dei giornalisti sui nuovi dati sul Pil che mostrano un ulteriore arretramento, che determinano la peggiore situazione dalla fine del 2009.


fonte


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi