*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 17 agosto 2012

Pussy Riot condannate, le Femen a Kiev abbattono crocifisso per protesta VIDEO



Mosca, condannate a due anni le Pussy Riot. La vicenda ha avuto ampio risalto sui media internazionali, numerose le manifestazioni di protesta e solidarietà in tutto il mondo, persino l'Ambasciata statunitense a Mosca ha definito "spropositata" la condanna. Il gruppo di femministe ucraine Femen, note alle cronache per le loro esibizioni di protesta in topless, hanno abbattuto con la motosega un crocifisso di oltre 5 metri ubicato in una piazza di Kiev.

La condanna comminata alle Pussy Riot è sicuramente eccessiva, e dimostra ancora una volta - se ce ne fosse stato bisogno - qual è la situazione della democrazia in Russia, dove solo recentemente il governo ha approvato una legge bavaglio che con la scusa del contrasto alla pornografia minorile consentirà al governo di oscurare i siti/blog sgraditi. Tuttavia ci chiediamo come mai non ci sia una reazione simile, da parte dei media, ma anche dei cittadini, dinnanzi ai molti altri casi di ingiustizia e di repressione, spesso più gravi di questo, come le violenze che quotidianamente subiscono i monaci tibetani in Cina...

Staff nocensura.com


Anonimo ha detto...

E' una Hiroschima morale!.

Alessio ha detto...

Video schifoso ed offensivo per tutto il mondo cattolico... che la tengano in carcere il più a lungo possibile e si penta di ciò che ha fatto... quel crocifisso rappresenta la liberazione di tutta l'umanità per le proprie colpe. Gesù ha dato la vita per noi e a distanza di più di 2000 anni viene ringraziato ancora in questo modo.

Marco83 ha detto...

Se è per questo anche nel nostro "belpaese" stanno pensando bene di mettere una bella legge bavaglio per oscurare i blog (come nocensura.com); oramai gli italiani non si indignano più per niente...
A quando la rivolta?!?

Anonimo ha detto...

@Alessio volevo farti notare che quelle che hanno abbattuto questo crocifisso sono le "FEMEN", il gruppo femminista ucraino, e non le "Pussy Riot" che sono della Russia di Putin...

Le Pussy Riot si sono esibite nel discutibile ballo all'interno di una chiesa, ma non hanno fatto danni...

Antonio B. per nocensura.com

Nome

Email *

Messaggio *