Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 17 agosto 2012
Il Mobile User Objective System è un sistema di comunicazioni satellitari ad altissima frequenza. Quattro satelliti e quattro stazioni di terra, una in Sicilia.

Stando al Base Structure Report del Pentagono aggiornato al 2009, ci sono 716 basi militari sparse in 38 paesi del mondo, che ospitano più di 250mila soldati.
Sono stati ben 680 i miliardi di dollari stanziati dal presidente Barack Obama, premio Nobel per la pace, una cifra che supera di 30 miliardi l'ultima erogata dal presidente guerrafondaio suo predecessore. Ma si sa, "si vis pace para bellum". Se questo fosse un manuale di storia venduto tra qualche secolo, potremmo riferirci all'impero americano come a quello romano o come a quello di Gengis Khan, e noi saremmo le colonie o tuttalpiù le province. Ma siamo contemporanei e li chiamiamo alleati.

E da bravi alleati a quanto pare non ci facciamo domande sui rischi che corriamo. Come gli struzzi nascondiamo la testa sotto la sabbia e facciamo finta di non sapere che ci sono quasi 100 testate nucleari sparse sul nostro territorio e che a Vicenza le falde acquifere sono ormai tossiche a causa delle infiltrazioni di sostanze provenienti dalla Base Usa.

E ora arriva il MUOS, il Mobile User Objective System (MUOS) ( Sistema Oggetto ad Utente Mobile). Un sistema di comunicazioni satellitari (SATCOM) ad altissima frequenza (UHF) ed a banda stretta composto da quattro satelliti e quattro stazioni di terra, una delle quali è in fase di realizzazione in Sicilia, nei pressi di Niscemi.

Il programma MUOS, gestito dal Ministero della Difesa degli Stati Uniti, è ancora nella sua fase di sviluppo e si prevede la messa in orbita dei quattro satelliti tra il 2010 ed il 2013. Il sistema MUOS integrerà forze navali, aeree e terrestri in movimento in qualsiasi parte del mondo ed ha l'obiettivo di rimpiazzare l'attuale sistema satellitare UFO.

E' composto da tre trasmettitori parabolici basculanti dalle dimensioni di circa 20 metri ad altissima frequenza 2 antenne elicoidali UHF per un totale di circa 2059 mq di cementificazione. Sino ad oggi "attive" ve ne sono tre: Virginia, Hawaii e Australia, istallate in zone desertiche. Un quarto gli Stati Uniti lo vorrebbero istallare nella base di C.da Ulmo di Niscemi ( NTFR-NASSIG-NATO), nel bel mezzo della Riserva Naturale Orientata Sugereta di Niscemi.

Secondo alcune ipotesi mediche, i campi elettromagnetici prodotti, potrebbero interferire su qualunque apparecchiatura elettrica, quali by-pass, sedie a rotelle, pace-maker, anche a distanza di oltre 140 km, come si evince da studi americani. Tutto ciò comporterebbe "a lunga distanza" insorgenze tumorali agli organi riproduttivi e leucemie.

Nonostante queste informazioni e diversi rapporti e relazioni sui rischi di un impianto del genere il governo italiano ha dato il suo benestare (ministro della Difesa La Russa) lasciando soli i cittadini di Niscemi a difendere il loro territorio e la loro vita. Il comune che aveva dato parere negativo al sito ( ma poi autorizzato dalla Regione siciliana) ha iniziato la sua battaglia revocando il nulla osta e facendo ricorso al Tar, che ha rigettato la richiesta cautelare, ma che ancora deve esprimersi sul merito, e al Consiglio di giustizia amministrativa, l'organo d'appello che in Sicilia sostituisce il Consiglio di Stato.

Da allora i cittadini di Niscemi vogliono sapere se veramente le onde siano dannose e se il parere dei professori dell'Università di Palermo e le rilevazioni dell'Arpa, iniziate solo nel 2008 (quando invece le antenne NRTF N8 sono lì dal 1991 ed già sotto accusa da parte dei cittadini per le onde elettromagnetiche) non difettino di parzialità.

Del "caso-Niscemi", quasi sottovoce, si comincia a parlare dopo la pubblicazione della relazione del 2011 di Zucchetti e Coraddu (il primo docente di Impianti Nucleari del Dipartimento Energia del Politecnico di Torino, il secondo ricercatore che hanno, su richiesta del comune di Niscemi, preparato un suo parere sulla base dei rilievi effettuati dell'Arpa Sicilia). Relazione che ha rilevato una certa inadeguatezza nella strumentazione dell'Arpa su un'antenna in particolare, che è quella a bassa frequenza usata per la comunicazione con i sottomarini dell'intero Sud del Mediterraneo. Studio che è stato preso in considerazione dallo stesso Ministero dell'Ambiente, che ha chiesto nuovi rilievi all'Arpa.

Le domande che ora la recente amministrazione comunale si pone sono molteplici. Perché le autorità nazionali non rispondono ai loro appelli? Sulla base di quali rilievi è stato dato un nulla osta sull'incidenza ambientale, dato che l'Arpa si è mossa con estremo ritardo? Come è possibile che la costruzione del Muos sia già quasi completata quando è abusiva, essendo in una zona Sic, ossia un sito di interesse comunitario? Come mai all'Arpa dicono di aver effettuato i nuovi rilievi quando in realtà in Quarta commissione Ambiente e Territorio è stato detto che la strumentazione era inadeguata e che non c'erano soldi per comprarne una nuova? Come mai non è mai stata chiesta al comune l'autorizzazione per costruire all'interno della riserva?

Le sbavature burocratiche, come denuncia l'assessore alla Sanità, Massimiliano Ficicchia, non mancano. Altro neo, rilevante, è il ritardo nella costituzione di un registro tumori (che sarà attivo a ottobre e comprende un range di dati di soli tre anni) in una zona a rischio così elevato.

La battaglia di questo Davide contro Golia è condotta come al solito in questo paese da un comitato, il NoMous che in questi giorni di calda estate ha promosso diverse iniziative a Niscemi e nei paesi limitrofi. La loro lotta è una delle tante che costellano questa estate italiana, ma i grandi media sono troppo occupati a seguire spread ed affini per occuparsi di loro e di quanto accade sul territorio.




fonte: globalist.it


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi