*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

sabato 18 agosto 2012

Inchiesta Penati - A un anno di distanza manca poco alla prescrizione


Inchiesta Penati - A un anno di distanza manca poco alla prescrizione

E' passato ormai quasi un anno dall'inchiesta che ha coinvolto l'ex presidente della provincia di Milano Filippo Penati accusato di corruzione, ma la prescrizione sembra essere ormai vicina. Proprio un anno fa aveva iniziato a scoppiare l'inchiesta poi soprannominata "Sistema Sesto" che aveva visto come principale personaggio coinvolto l'ex sindaco di Sesto San Giovanni e l'ex presidente della Provincia di Milano Filippo Penati accusato di corruzione e che aveva messo in luce un modo di agire certamente non limpido: "Chi non pagava non lavorava - questo sarebbe stato il modo di agire dell'organizzazione- Quando loro hanno deciso di non farti lavorare, non ti fanno lavorare. Ti fanno perdere anche l’anima, pretendono tutto e in cambio non hai mai niente... per darti quello che è il diritto vogliono i soldi, ma tu gli dai i soldi e non ti danno niente". Le indagini hanno poi permesso anche di individuare l'accusatore principale di Penati, Piero Di Caterina, imprenditore della società di trasporti Caronte, che era arrivato ad ammettere di avere versato al 1999 varie somme di denaro proprio all'onorevole.

Le accuse nei confronti di Penati e dei suoi collaboratori sono comunque molto forti visto che si va dalle tangenti per la riqualificazioni delle aree Falcked Ercole Marelli fino agli appalti pilotati, finanziamenti occulti per le campagne elettorali e imposizione delle cooperative rosse. Nonostante il duro lavoro dgli inquirenti, però, presto per Penati tutto si potrebbe risolvere in un nulla di fatto grazie all'introduzione della prescrizione, che potrebbe quindi essere interpretata come l'ennesima beffa della legge italiana.


fonte: milano.ogginotizie.it


Nome

Email *

Messaggio *