Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 24 agosto 2012
I tagli alla sanità sono MOLTO SUPERIORI a quelli di cui parlano governo e mass media: quelli di cui sentiamo parlare sono infatti i tagli decisi a livello centrale dal governo, ai quali dobbiamo sommare i tagli stabiliti nei vari CONSIGLI REGIONALI, che sono l'organo deputato alla gestione della sanità, regione per regione. Di questi tagli se ne parla solo nelle zone interessate, e non vengono conteggiati nel conto dei tagli alla sanità.

Sono frutto del cosiddetto "taglio dei trasferimenti alle regioni" di Tremonti: se consideriamo che la Sanità assorbe generalmente più del 50% del bilancio di una Regione, sono veri e propri TAGLI ALLA SANITA' mascherati...

Riceviamo quasi quotidianamente email da Comitati e cittadini che parlano di tagli ai vari ospedali: non c'è una singola regione che non sia interessata! Le chiamano "razionalizzazioni", piccoli ospedali che chiudono, reparti e servizi che vengono soppressi o accorpati, privilegiando i grandi ospedali.

Le zone periferiche non densamente popolate sono le più penalizzate: cittadini di serie B che in caso di urgenza devono raggiungere ospedali che distano fino a svariate decine di km. In molti casi c'è l'elisoccorso, in altri nemmeno quello.

IL CASO DELLA VAL DI CECINA (PI) CITTADINI DI SERIE B
In provincia di Pisa il Presidio ospedaliero di Volterra ha subito negli anni pesanti tagli, e per numerose emergenze i cittadini della "Val di Cecina" vengono indirizzati all'ospedale di Pontedera (PI) che dista 50-75 km dalle varie località della zona. Tre anni fa è stato stabilito di realizzare tempestivamente due piazzole dell'elisoccorso: una a Castelnuovo Val di Cecina e una a Volterra; la prima è stata fatta in tempi rapidi, la seconda invece da oltre 1.000 giorni attende di essere realizzata, a causa di non meglio precisati "problemi burocratici" del Comune. In caso di emergenza l'elicottero salvavita atterra allo stadio, ma in caso di condizioni meteo avverse è impossibilitato a farlo, e in quel caso l'ambulanza deve fare 50 km di tortuosa strada extraurbana, impiegando almeno un'ora. In caso di infarti, ictus o gravi incidenti stradali, non sempre tutto quel tempo è disponibile. Sicuramente questa situazione non è un caso isolato in Italia...

QUESTO NON SIGNIFICA ESSERE CITTADINI DI SERIE B?


Staff Nocensura.com


0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi