*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

mercoledì 22 agosto 2012

Ecco chi era Angelo Di Carlo, l’uomo che si è dato fuoco davanti a Montecitorio – Foto


Ecco chi è l'uomo che l'11 Agosto si è dato fuoco dinnanzi a Montecitorio. Lo ricorda, su un forum, Massimo Malerba. Del suo caso, i mass media ne hanno parlato solo quando - dopo 8 giorni di lotta tra la vita e la morte - il suo cuore ha ceduto. Sul web invece se ne parlava da giorni, anche se il silenzio mediatico ha fatto si che la notizia si divulgasse con alcuni giorni di ritardo. Nonostante ormai giornali e tv non ne parlino più, continua l'emergenza suicidi, con casi che quotidianamente si registrano in tutta Italia. 
Staff nocensura.com
- - - - -
Ho trovato, girando per blog, tre foto di Angelo Di Carlo, l’uomo -morto ieri all’alba dopo una settimana di agonia- che la notte dell’11 agosto si è dato fuoco davanti a Montecitorio. Angelo era vedovo da qualche anno e aveva un figlio cui ha lasciato, assieme ad una lettera in cui spiega i motivi del suo gesto, un’eredita di 160 euro. Angelo, racconta un suo amico in un blog “ha sempre saputo spendersi per gli altri, anche al di la delle sue scarse possibilità economiche, manifestando sempre contro qualsiasi tipo di ingiustizia” (vedi foto sotto).
Da tanti anni, però, Angelo era privo di un lavoro decente, sempre prossimo allo sfratto, non aveva nemmeno i soldi per riparare la sua minicar senza patente ferma da mesi.
Ho trovato, dicevo, tre foto, probabilmente le uniche reperibili sul web. Raccontano una persona generosa e resistente, impegnata in tante battaglie. Nella prima foto, siamo alla vigilia del referendum, indossa una tuta da “contaminato-radioattivo” e distribuisce volantini contro il nucleare. Nella seconda foto, scattata sulla riviera romagnola, Angelo manifesta contro il bavaglio all’informazione. Nell’ultima foto, Angelo mostra con orgoglio uno dei suoi cartelloni, realizzato a mano da lui per sensibilizzare i cittadini sul tema dei rifiuti. Ciao Angelo.





Nome

Email *

Messaggio *