Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

domenica 22 luglio 2012
Un po' di notizie sul Presidente dell'Uruguay, che vive con 800 euro al mese. E non pensate che guadagna così poco perché l'Uruguay è una nazione povera, perché l'America Latina, come l'Africa e l'Asia, è piena di dittatori che vivono in megaville con i rubinetti d'oro e fior di servitù, intascandosi i soldi delle materie prime della propria nazione, mentre i cittadini muoiono di fame e per malattie banali... Staff nocensura.com


di seguito l'articolo di Lettera43:

Il presidente dell'Urugay Pepe Mujica.

Il presidente dell'Urugay Pepe Mujica.




La sua vittoria in Uruguay, nel marzo 2010, fu un evento storico. La capitale Montevideo esplose. Persone di tutte le età e classi sociali scesero in strada per festeggiare il nuovo presidente: l'ex guerrigliero di sinistra José Mujica che, dal Movimento de participación popular (Mpp) contro la dittatura, era arrivato alla guida del Paese.
Ora Mujica, 78 anni, fa notizia per un altro motivo: vive con 800 euro al mese, rappresentando il miglior modello diausterity su scala internazionale.
Pepe, come vuole essere chiamato il presidente, abita in una fattoria a Rincón del Cerro, alla periferia della capitale. Una cascina che non gli appartiene perché è della moglie, la senatrice Lucía Topolansky.


SENZA CONTO IN BANCA. Per il fisco, l’unico patrimonio di Mujica è una vecchia Volkswagen Fusca color celeste. Il presidente uruguaiano non sa cosa sia una carta di credito, né un conto in banca. E la sua unica scorta è il cagnolino Manuela.
Lontano dagli stili di vita opulenti dei suoi colleghi oltrefrontiera, ogni mese Mujica trattiene per sé solo 20 mila pesos, circa 800 euro, dei 250 mila (quasi 10 mila euro) che riceve come stipendio.



STIPENDIO DA FAME. Il resto - quasi il 90% del salario - viene distribuito al Fondo Raúl Sendic, che si occupa dei settori più poveri della popolazione, al Mpp che aiuta cooperative sociali, e a varie organizzazioni non governative (ong), che lavorano per costruire abitazioni nel Paese.
A chi gli ha chiesto spiegazioni per questo stipendio «da fame», il presidente ha detto: «I soldi mi devono bastare perché la maggior parte degli uruguaiani vive con molto meno».
Da venditore di fiori a presidente dell'Urugay
Il presidente Pepe Mujica con la moglie, la senatrice Lucía Topolansky al Parlamento uruguaiano.
Il presidente Pepe Mujica con la moglie, la senatrice Lucía Topolansky al Parlamento uruguaiano.
Mujica, ex venditore di fiori, negli Anni '60 ha fatto parte del Movimento di liberazione nazionale dei Tupamaros: l’organizzazione radicale ispirata al marxismo, che si rifaceva alla Rivoluzione cubana.
Sotto la dittatura di Jorge Pacheco Areco, il movimento si è poi trasformato in un’organizzazione di guerriglia urbana. Ferito sei volte in scontri armati, è stato arrestato quattro volte, è evaso altre due e ha trascorso in carcere circa 15 anni. Fino alla sua liberazione, nel 1985, con l’amnistia generale.


LA SVOLTA POLITICA. Da allora, prima di diventare presidente, Mujica ha trascorso il tempo nella sua fattoria a Rincón del Cerro, impegnandosi nella fondazione del Mpp,del quale - dal 1999 - è stato prima deputato, poi senatore.
Parte del gruppo di centro-sinistra Frente Amplio, l'Mpp è stato decisivo per l’elezione alla presidenza del Paese, nel 2005, del socialista Tabaré Vázquez. Del suo governo, tra il 2005 e il 2008, Mujica è stato ministro per l’Allevamento, l’agricoltura e la pesca.

Il 'cubano' Mujica conquista Stati Uniti ed Europa

Il presidente Pepe Mujica seduto al tavolo di un locale del centro di Montevideo.
(© getty) Il presidente Pepe Mujica seduto al tavolo di un locale del centro di Montevideo.
I suoi aficionados lo ricordano ancora giovane, dopo la caduta della dittatura militare, a cavallo della sua Vespa che lo portava in parlamento. Ma neanche da presidente il suo stile di vita è cambiato.
Chioma grigia spesso scompigliata, mai la cravatta, l’aria di uno che si trova lì per caso, soprattutto quando è vicino ad altri capi di Stato, da quando è stato eletto ha subito proposto di donare la sua pensione presidenziale al Paese, accettando come auto blu una semplice Chevrolet Corsa.


NIENTE SPRECHI, NÉ PROTOCOLLI.Niente sprechi, niente protocolli, Pepe si ferma sempre a parlare con i cittadini, saluta il macellaio del quartiere, abbraccia i ragazzi della piccola squadra di calcio Huracán, si mette in posa per qualche scatto.
Un modo di governare che attira simpatie ovunque. Nonostante sia un ex combattente vecchio stampo, di fede cubana, Mujica gode di buona reputazione anche negli Stati Uniti.
E anche in Europa ha conquistato supporter, nonostante, dopo l’elezione, la sua unica visita sia stata in Spagna.
Si trattava di un viaggio privato per incontrare uomini d’affari e potenziali investitori.
Ora Mujica vuole attrarre nuovi capitali stranieri, soprattutto nel settore minerario, promuovere il commercio e lo sviluppo economico nel suo Paese. 



3 commenti:

vittorio ha detto...

e veramente un granduomo non dico altro nemmeno paragonarlo a tutti i piccoli re che ci sono in italia e in europa sarebbe solamente offensivo x lui anche solo accostarlo a loro

Anonimo ha detto...

Rispetto per un presidente che solo dal discorso che ha fatto a rio +20 mi ha lasciato sbalordito e senza parole (positivamente)...Finalmente qualcuno che da il buon esempio anche con i fatti e non solo con le parole...
Rispetto...

desnos ha detto...

nn desidero sdorare le pillole ma riferisco quello ce mi e' stato raccontato da un elemento ormai nn attivo dei Tupamaro , quello che sta accadendo in Uruguay nn e' oro come i media vorrebbero mostrarci , se lo fosse se questo presidente fosse un reale uomo di sinistra farebbe e avrebbe la stessa attenzione riservata a Chavez . Quest uomo , sempre a detta di questo ex Tupac e' l esponente delle cordate economiche che stanno distruggendo il paese , La produzione della cellulosa per la Cina sta distruggendo tutto il paese > sarebbero queste le azioni popolari e di sinistra ? nn credo !!!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi