Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

domenica 8 luglio 2012

Un'orrenda  tradizione centenaria, viva più che mai, a Butera, un paesino di Caltanissetta posto a sud-ovest della Sicilia. Prendono un'oca sgozzata, ancora sanguinante, e la appendono su un palo nella piazza principale del paese, davanti a centinaia di persone. Una sorta di macabra gogna che deve essere assolutamente fermata, anche con una petizione.

Eduardo Parente (collaboratore nocensura.com)


  A Butera (CL) il 15 agosto ha luogo una delle tante “feste”in cui si uccide allegramente un animale e poi “per gioco” gli si stacca il collo.

Un’oca sgozzata, ancora sanguinante, viene appesa per le zampe ad un cavo sulla piazza principale di Butera e qui, su un podio di legno, un uomo cerca di strapparle il collo a mani nude. Da un terrazzo, un altro uomo tira il cavo per impedirne la presa, strattonando il cadavere dell’animale che si deforma, perde penne e piume, resta con le ali spezzate.


È questo il «gioco» che si svolge ogni anno a ferragosto a Butera, piccolo centro del Nisseno, in onore di San Rocco, il Patrono del paese.
Nonostante la Lav (Lega antivivisezione) di Caltanissetta abbia inviato formalmente una diffida al parroco del Santuario di S. Rocco di Butera, don Filippo Provenzano, organizzatore della festa, al sindaco Luigi Casisi, alla Procura di Gela, al prefetto, questore e comandante dei carabinieri di Caltanissetta, l’edizione del 2010 si è svolta regolarmente.
Vista l’inefficacia delle diffide il Partito Animalista Europeo ha deciso di organizzare un corteo di protesta per il 15 agosto 2011.

Un tentativo di mediazione è stato concordato per la mattinata di lunedì 14 marzo tra Enrico Rizzi – Coordinatore della Regione Sicilia – del Partito Animalista Europeo – e il Sindaco di Butera - Sig. Luigi Casisi .

L’obiettivo dell’incontro è chiedere la sospensione del GIOCO DELL’OCA, una tradizione barbara ed incivile lesiva della dignità umana e dell’integrità delle persone, oltretutto altamente diseducativa e tale da istigare alla violenza sui deboli ed indifesi.
A quanto pare l’incontro non è gradito dai sostenitori della barbara festa che con ingiurie e minacce di pestaggio hanno tentato di intimorire il coordinatore siciliano. La preoccupante vicenda ha interessato il Questore di Caltanissetta che ha emesso con urgenza un’apposita ordinanza per garantire l’incolumità di Enrico Rizzi. Verrà predisposto un servizio di scorta proprio nella giornata di lunedì da parte delle forze dell’ordine.

ECCO QUANTO ACCADUTO IL 14 MARZO 2011

COMUNICATO STAMPA DEL 15.03.2011

COMPORTAMENTO ARROGANTE ED AUTORITARIO DEL SINDACO DI BUTERA

Si è svolto lunedì 14 marzo l’incontro tra il Sindaco di Butera Luigi Casisi ed il Coordinatore siciliano del Partito Animalista Europeo Enrico Rizzi al fine di evidenziare le problematiche relative allo svolgimento del crudele spettacolo denominato “gioco dell’oca sgozzata” previsto per il 15 agosto.
Fatto grave all’interno dell’aula consiliare il Coordinatore del PAE è stato aggredito verbalmente con modi del tutto irrispettosi dal Sindaco Casisi spalleggiato dall’intera Giunta e dagli organizzatori del gioco dell’oca presenti in aula, sono state pronunciate parole offensive ed intimidatorie contro gli animalisti rappresentati dallo stesso Rizzi al quale il Sindaco ha lanciato addosso la diffida senza nemmeno leggerla esclamando “ …quel documento non vale nulla, il gioco dell’oca si farà a tutti i costi e nessuno oserà sospenderlo…”.

Visti i toni davvero forzati e di inaccettabile arroganza e per evitare che la situazione degenerasse, il Coordinatore del PAE decide di abbandonare l’aula. Fuori circa trenta persone ad aspettarlo aggredendolo con vituperi e minacce. “ Sono venuto in questa sede per un dialogo civile con modi urbani e corretti ma devo ricredermi – sostiene amareggiato Enrico Rizzi – questa mattina ho potuto confermare nuovamente la mia tesi: chi non ha rispetto per gli animali, non ha rispetto neanche per l’essere umano, – e continua – il 15 agosto organizzeremo un corteo richiamando tutte le forze animaliste per bloccare la ignobile sagra.”

Ecco cosa ha dichiarato Enrico Rizzi, coordinatore del P.A.E. (Partito Animalista Europeo), il 25 maggio scorso a www.geapress.org :"“L’anno scorso mi ero fidato, – dichiara Rizzi a GeaPress – i dirigenti della Questura mi avevano assicurato che nessun animale sarebbe stato presente e che al posto dell’oca ci sarebbe stato un pupazzo di pezza. Abbiamo accettato di buon grado di non fare alcuna manifestazione, in realtà già da tempo organizzata e con centinaia di adesioni. Solo una piccola presenza, nulla più".

Ma così non fu, infatti il gioco cominciò con l'entrata in "scena" di un pupazzo al posto dell'oca sanguinante. Poi però l'animale (vero) saltò fuori. "Se qualcuno non è in grado di garantire l’ordine pubblico - continua Rizzi ai microfoni di www.geapress.org - lo deve dire vietandoci la manifestazione. Neanche la disposizione del Prefetto viene fatta rispettare,  e la denuncia che presentai l’anno scorso per la grave violazione non ha ancora ricevuto alcuna richiesta di archiviazione. Siamo nel 2012 – conclude Rizzi – e qualcuno deve fermare queste manifestazioni o almeno garantire il rispetto del volere del Prefetto. Organizzeremo un pullman pieno di manifestanti".

Fonte

http://www.partitoanimalistaeuropeo.com/blog_pae/index.php/2011/03/butera-il-gioco-delloca-sgozzata-il-corteo-del-p-a-e-per-vietare-lo-svolgimento/

http://www.geapress.org/corse-palii-giostre/butera-cl-e-il-gioco-delloca-rizzi-porteremo-i-pullman-con-gli-animalisti/28109






1 commenti:

Anonimo ha detto...

inaccettabile incivile oltre che diseducativo, non cèeè tradizione nella morte!

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi