Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

giovedì 5 luglio 2012
Il governo: “Un tetto per le pensioni d’oro? Non possiamo toccare i diritti acquisiti”. E quelli degli esodati? E dei poveri pensionati?
Camera dei deputati, mercoledì 4 luglio 2012. Sono in corso le interrogazioni al governo, una in particolare viene illustrata dal deputato leghista Fulvio Follegot. Chiede chiarimenti in merito “alla proposta di introdurre un tetto di 6000 euro netti al mese per le pensioni erogate in base al sistema retributivo”.
Si tratta delle “pensioni d’oro”. Si chiede al governo perché ha esercitato pressioni su un articolo aggiuntivo al disegno di legge della spending review che avrebbe imposto un tetto di 6mila euro al mese sulle pensioni d’oro. Secondo alcuni la norma non è passata perché molti membri del governo sarebbero stati colpiti proprio dal “taglio”.
E il Ministro per i rapporto con il Parlamento, Piero Giarda, ha risposto a nome del governo sul perché non è stato introdotto il tetto alle pensioni d’oro. Con questa motivazione:
…Per quanto concerne le pensioni liquidate con il sistema retributivo, non può non rilevarsi che l’ipotesi di riduzione delle prestazioni fino a un limite massimo, qualora fosse riferita alle pensioni attualmente in argomento, sembrerebbe non tenere conto dei diritti acquisiti in conseguenza del rapporto assicurativo obbligatorio che determina, nel corso della vita lavorativa, il versamento di contributi calcolati su una base imponibile non sottoposta ad alcun massimale, con conseguenti possibili profili di illegittimità costituzionale….
Capito? E’ clamoroso. Niente taglio perché toccherebbe i diritti “acquisiti”. E sarebbe addirittura incostituzionale.
E’ una risposta indecente, che grida vergogna. Perché i diritti acquisiti valgono solo per i pensionati d’oro? E per gli esodati? E perché quando è stato deciso di fare la riforma delle pensioni questa è stata fatta nel giro di una notte e senza pensare troppo ai diritti acquisiti? E poi si lamentano dell’antipolitica e delle polemiche sulla casta… che coraggio



fonte: daw-blog.com



5 commenti:

mary79.lom ha detto...

...E I NOSTRI DI DIRITTI ACQUISITI DI UN'INTERA VITA PASSATA A LAVORARE PER POI NON RITROVARSI NULLA? TROVARSI ALLA FINE DEL MESE A FARE DUE CONTI CON LA SPERANZA DI RIUSCIRE A METTERE DA PARTE DUE,DICO DUE SOLDI,MA SCOPRIRE L'AMARA VARITA' DI NON AVERCELA FATTA?
MA COS'ALTRO VOGLIONO, SE ANDIAMO AVANTI COSÌ PRESTO CI RITROVEREMO NOI A FARE LA FAME E LORO ANCORA A TENTARE DI SPREMERCI ....,

Anonimo ha detto...

Vabbè, i diritti acquisiti non si toccano, giusto. Però se qualcuno non è ancora andato in pensione i diritti non li ha ancora acquisiti, giusto? (almeno questa è stata sempre l'orientamento giuridico sino ad oggi...vedi riforma pensioni etc). Allora BLOCCATE IMMEDIATAMENTE TUTTE LE PENSIONI D'ORO FUTURE!!!!! Il risparmio c'è comunque! Nel merito della qualità del lavoro svolto per guadagnarsi lo stipendio oltre che la pensione .... andrebbe rivisto tutto il sistema valutativo. Infine andrebbe assegnato il compito di determinare emolumenti, bonus etc di tutti i vari personaggi eletti ad un ente esterno agli stessi. E' immorale che il parlamento decida in piena autonomia quanto pagarsi e quali benefit concedersi!!

Anonimo ha detto...

Se le pensioni d'oro per chi le prende sono diritti acquisiti, per quelli (ci vogliono almeno 25 lavoratori per ogni pensionato d'oro) che queste pensioni le pagano, cosa sono ? Forse condanne acquisite ?
Possibile che si può toccare tutto ma non si può mettere fine a questo saccheggio ai danni dello stato e dei lavoratori ?
Le pensioni servono a garantire una vita dignitosa a chi non può più lavorare, non per fare vivere una vita da nababbi a chi in giovane (o meno giovane) età è ampiamente in grado di sostenersi con il proprio lavoro
Adesso basta ci vuole un tetto massimo di 2mila euro a tutte le pensioni , e la restituzione di quanto percepito ingiustamente fino ad ora. E se non le restituiscano intervenga Equitalia

Anonimo ha detto...

ste merde e i diritti degli italiani..... italia un popolo di quaquaquaraqua................

Anonimo ha detto...

E CONTINUANO A PRENDERCI PER IL CULO,MERAVIGLIOSO

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi