Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

Cosa ti spaventa di più in questo momento?

venerdì 13 luglio 2012
Enrico Letta, vice presidente del PD, nonché vice presidente dell'Aspen Institute - una emanazione del gruppo Bilderberg, di cui Enrico Letta fa parte - accanito sostenitore di Mario Monti, con il quale condivide l'appartenenza ai gruppi sopracitati, ha dichiarato di preferire il partito di Berlusconi piuttosto che il Movimento 5 Stelle. 
Una affermazione che non può che fare discutere in bocca al vice presidente del PD, e sul web si sprecano i commenti di coloro che vedono in questa dichiarazione "l'ennesima riprova delle affinità tra PD e PDL", che ci sono sempre state (il PD ha sempre fatto opposizione sulle questioni frivole, restando in silenzio invece dinnanzi ai veri scandali del precedente governo) ma che ora sono davanti agli occhi di tutti.
Non possiamo credere che un politico della levatura di Enrico Letta, che nel PD è molto influente e che frequenta le riunioni riservate ai potenti della terra, pronunci una frase del genere senza ponderarne bene gli effetti; di Letta possiamo dire tutto, ma non che sia un "pivello". 
Può Enrico Letta, credere di danneggiare il movimento 5 stelle - che strappa consensi tra l'elettorato che è stanco di gente come lui - con una dichiarazione del genere?
Qual è l'obiettivo della sua dichiarazione? Cosa ne pensate? Dite la vostra commentando sul blog.
- - - -
Di seguito l'articolo de "Il Fatto Quotidiano":
Il vicesegretario del Pd al Corriere: "Alleanza con Vendola e Udc, governo in continuità con Monti". Sul comico: "Ha tre idee, uscire dall'euro, non ripagare i debiti e non dare cittadinanza ai figli degli immigrati"
“Preferisco che i voti vadano al Pdl piuttosto che disperdersi verso Grillo“. Parola del vicesegretario del Partito democratico Enrico Letta, messa nera su bianco in una intervista alCorriere della Sera di oggi. Il numero due del Pd traccia la rotta verso le elezioni della prossima primavera. Dove la parola d’ordine sembra essere “non prenderle”, che siano gli elettori, il Movimento 5 stelle, l’Europa o i mercati a darle. Guai a pensare che i voti del Pdl possano per sbaglio finire al Pd, Letta guarda solo ad arginare Grillo, con “un’alleanza guidata dal segretario Bersani, con ai lati Casini e Vendola“. 

E forse al vicesegretario non vengono in mente gli elettori imbufaliti che minacciano di occupare le sedi del partito in caso di alleanza con l’Udc: l’obiettivo dichiarato è un “governo politico competente che sia in continuità con Monti, come contenuti e come uomini”. Dopo Monti ancora Monti? Qualcosa di molto simile, in ogni caso, perché l’emergenza economica non finirà presto e nessun partito, oggi, ha forze sufficienti per cavarsela da solo. E forse nemmeno l’intenzione di accollarsi il peso di scelte lacrime e sangue davanti all’elettorato. Per questo Letta pensa ad uno spazio politico molto allargato in cui, dopo le tensioni delle scorse settimane, solo l’Idv di Di Pietro non troverebbe spazio ma in cui Casini sarebbe accolto a braccia aperte. Del resto, nella stessa ottica di continuità con l’attuale linea di governo, Letta guarda con molta preoccupazione al ritorno in campo di Silvio Berlusconi. Un nome capace di agitare da solo lo scacchiere politico (ed economico), che Letta paragona a uno di quei pugili suonati “che si fanno convincere a patetici ritorni sul ring”. 
Al di là delle similitudini, il numero due dei democratici lo dice chiaramente: il Pdl di Alfano “si è rivelato un interlocutore affidabile e credibile. Il ritorno di Berlusconi – invece – è una mina” che “blocca la trasformazione del Pdl” da “predillino” a “moderno partito conservatore europeo”. Ma per quanto l’ex premier possa esplodere da un momento all’altro, resta pur sempre meglio di un Parlamento popolato dal 5 stelle. Anche sul fronte della legge elettorale, democratici e Popolo della Libertà dovrebbero incontrarsi per cambiare il Porcellum: “E’ il male assoluto – dice ancora Letta – votare con questo vorrebbe dire prolungare l’agonia della seconda Repubblica e aprire la strada a Grillo”. E se i “grillini sono una spinta per la trasparenza”,dice ancora Letta, da un punto di vista programmatico Grillo ha solo tre obiettivi: “Non ripagare i debiti, uscire dall’euro e non dare la cittadinanza ai bambini immigrati nati in Italia”. Sarà, ma anche Berlusconi non sembra pensarla molto diversamente, almeno su euro e immigrazione.  
Il Cavaliere, per parte sua, pare però aver capito altrettanto bene che il Pdl in emorragia di consensi non sarebbe mai in grado di governare la crisi. E nell’ottica del rientro sulla scena ha dato la nuova linea ai suoi: “Non faremo una campagna elettorale contro Monti”. Nessuno, insomma, vuole bruciare l’attuale presidente del Consiglio, oggi – consapevolmente – unico garante del buon nome italiano all’estero. Così come nessuno vuole rimanere con il cerino della crisi in mano o, peggio, consegnare il Parlamento alle fiamme di Grillo. 


x


2 commenti:

Sandro Proietti ha detto...

Enrico Letta si e' rivelato per quello che e'! Un colluso con i poteri forti. Il fatto che abbia partecipato all'ultima riunione del bildelberg, la dice lunga.Preferire che i voti vadano al partito che ha sempre fatto finta di contestare ci chiarisce definitivamente che razza di politico e' lui e tutti gli altri; tutti, da destra a sinistra! Una massa informe di sanguisughe attente solo a rimanere attaccate al loro punto di rifornimento!!! Per quanto mi riguarda... fuori tutti dalla politica e per sempre!!!!! E se hanno fatto i danni ( e li hanno fatti ) devono andare in carcere!!!!!!!!!

Blade147 ha detto...

Ma tutti ignoranti questi politici chissà xche nessuno li licenzia come in qualunque attività non 6 buono ciao l'articolo 18 non c'è più proprio vero i soldi danno alla testa la fermano.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi