Help

Help
Se apprezzi il nostro lavoro, aiutaci a rinnovare il blog

Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura

venerdì 20 luglio 2012
Il Comune di Courmayeur fa cassa con i turisti? Un lettore, la guida alpina Gianluca Bellin (www.gianlucabellin.it) ci segnala il caso dopo aver preso una multa per aver parcheggiato l'auto in un'area dove la sosta è vietata da un'ordinanza emanata a causa di "rischio frana". Ma la zona risulta facilmente accessibile alle auto, e anche a causa della segnaletica poco evidente, sono in molti a parcheggiare nell'area. E prendere esose multe da 119.00 euro...

Gentile redazione,
tornando da un giro sul monte Bianco ho trovato spiacevolmente una multa da 119,00 euro sul parabrezza del'auto parcheggiata sul piazzale Retegno in località La Palud vicino alla funivia. La contravvenzione indicava che avevo parcheggiato in area interdetta, ma guardandomi intorno c'erano almeno altre venti auto che avevano parcheggiato come me e tutte con la contravvenzione. Al di là di una fila di new jersey abbiamo trovato un cartello che indicava il divieto di accesso con indicata l'ordinanza n. 2573 del 09/05/2012, che però il giorno prima non avevamo notato a causa delle auto in manovra e quindi ignari siamo entrati nell'area interdetta. Ma come può un area dichiarata a rischio frana essere così facilmente accessibile alle auto compresi autocaravan che aveva soggiornato la notte?
Questa domanda siamo andati a farla alla Polizia Municipale che ci ha semplicemente risposto che c'era un cartello che indicava il divieto. Ma facendo loro notare che il cartello in questione poteva eventualmente essere messo in mezzo all'ingresso all'area interdetta così la segnalazione sarebbe stata più evidente e comunque non sarebbe stato possibile entrare. La situazione che avevamo trovato era di un enorme area parcheggio chiusa nella parte antistante la strada da una fila di new jersey interrotti in un tratto di quattro metri proprio in corrispondenza dell'ingresso al piazzale con un cartello di divieto messo in disparte che nel nostro caso era nascosto da auto in manovra. Ci è stato quindi risposto che potevamo contestare la multa, ma a loro non interessava niente altro perché c'era un cartello con tanto di ordinanza.
Siamo quindi entrati in municipio per avvisare il sindaco (purtroppo, o forse non a caso, uscita proprio pochi minuti prima) di questo problema di sicurezza dei cittadini e dei turisti che potevano facilmente parcheggiare in un area interdetta per la mancanza di una barriera all'ingresso dell'area. In questa situazione molti erano invitati a parcheggiare nell'ampia area... per poi trovarsi una multa da 119,00. Per esempio una turista tedesca ci ha chiesto se avevamo preso anche noi la multa o se avevano multato solo i turisti stranieri... tanto era dubbia la situazione in cui si era capitati, tanto da sembrare una perfetto gioco per rimpinguare le casse del comune.


Cordiali saluti,

Gianluca Bellin e Alberto da Cittadella - Padova



1 commenti:

Fabrizio Chiccoli ha detto...

Non e' la prima, n'è sarà l'ultima volta che i comuni,dissanguano gli automobilisti, con questi sotterfugi, che nulla hanno a che vedere con l'educazione stradale.
Evidentemente non basta il dissanguamento del nostro "amato" governo. In fondo anche i pidocchi devono mangiare.

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi