Post più popolari

Powered by Blogger.
*** Clicca su "follow" per iscriverti agli aggiornamenti Facebook di Alessandro Raffa, portavoce di nocensura.com: in caso di problemi o di censura, resterai in contatto con noi! Clicca QUI per iscriverti alla nostra pagina Facebook. Siamo presenti anche su twitter: http://twitter.com/nocensura e su Google Plus: http://plus.google.com/+nocensura


Servono 1.000.000 di firme per mettere renzi e soci con le spalle al muro, con una legge di iniziativa popolare. Il comitato promotore ha raccolto 850.000 firme, tra web e dal vivo, i media non ne parlano e non ne parleranno, per evitare imbarazzi a Renzi, che sarebbe in difficoltà a dire NO alla cancellazione del vitalizio a corrotti, mafiosi e affini... vogliamo continuare a dire "tanto non cambia niente" - "tanto non serve a niente" o ci iniziamo a muovere per ottenere ciò che esigiamo? Una semplice firma conta più di quanto sembra. Grazie ai referendum non ci hanno imposto il nucleare, anche se c'è da dire che quello sull'acqua è stato disatteso... e più ne disattenderanno, più la gente aprirà gli occhi... calano i consensi e convincere la gente è sempre più difficile per loro... FIRMATE!!!
mercoledì 25 luglio 2012
Un milione e centomila euro a Dario Franceschini. Un milione e 15 mila euro a Giuseppe Fioroni. E ancora 357 mila euro indirettamente finiti alla corrente di EnricoLetta. In tutto quasi 2 milioni e mezzo di euro destinati a solo tre leader politici fra il 2009 e il 2012 dall`allora cassiere della Margherita, Luigi Lusi.
Spuntano fuori le fatture, i soldi, i giraconti. Ma Lusi viene considerato un pazzo, uno che spara balle, uno da internare o censurare. Eppure i passaggi di denaro sono incisi nella carta.
Le fatture sono tutte relative alla seconda parte dell`anno in cui ci furono le primarie del Pd, il periodo estate-autunno. Arco di tempo in cui si svolse la campagna elettorale fra il segretario del Pd dimissionario (appunto Franceschini), il rivale Pier Luigi Bersani, che poi le avrebbe vinte, e il terzo incomodo Ignazio Marino. Primarie per cui c’era un regolamento che imponeva a tutti i candidati un tetto di spesa massimo da 250 mila euro. Sicuramente superato da Franceschini grazie ai soldi di Lusi (e quasi sicuramente pure da Bersani grazie ai soldi di Penati).
Ma tanto Lusi è uno sparaballe vero?



fonte



0 commenti:

I migliori libri di contro-informazione. La verità ci renderà liberi

macrolibrarsi un circuito per lettori senza limiti

cerca sul blog

Caricamento in corso...

Archivio articoli

Gli articoli sono ordinati in ordine cronologico; (i più recenti in cima) clicca sul titolo per aprire l'articolo

Blog Archive


Apprezzi il nostro lavoro? Aggiungi il nostro logo al tuo sito!

Lettori fissi